Il turista runner

Un runner in vacanza non smette di correre. Cambia solo il modo in cui lo fa.

Tempo di lettura: 2 minuti

Non tutti i runner sono uguali e anche lo stesso runner – tu, io o lei – possono essere runner diversi a seconda del tempo e soprattutto del luogo.

Per esempio: quando è in vacanza il runner diventa turista runner, ed è tutta un’altra cosa.

Dall’abitudine all’imprevisto

Pensa a come corri normalmente: hai la tua strada o al massimo le tue strade. Le conosci così bene che potresti farle a occhi chiusi. Sai che il 4° km è dopo quella curva e che devi tornare indietro arrivato a quel semaforo. Ma cosa succede quando non conosci la città dove corri?
Devi abbandonare le tue certezze e non correre più in maniera automatica. Di certo non potrai più controllare i tempi ma chi se ne importa no? Vanno in vacanza anche loro e finalmente puoi tornare a correre per il solo piacere di farlo e di conoscere nuovi luoghi.

La valigia

Do per scontato che tu abbia messo in valigia come prima cosa il tuo corredo da corsa: un paio di cambi, gli occhiali, un cappellino o un buff e almeno un paio di scarpe (hai visto come preparare la valigia e piegare al meglio il tuo abbigliamento da running vero?). Arrivato nella nuova città e sistematoti non resta che cambiarsi e uscire a correre.

In ricognizione

Il bello della corsa da turista è che non devi sapere esattamente dove andare. Anzi, direi che è fondamentale non saperlo proprio. Mettiti alla prova e cerca il centro città. Se il tuo albergo non si trova nella piazza principale puoi capire dove si trova solo dai flussi delle persone o dall’età degli edifici che incontri. La sfida è arrivare al centro e tornare indietro. Usa questa corsa per cercare di capire quali sono i luoghi più importanti da visitare e gli scorci più suggestivi: potrai visitarli il giorno stesso o quello dopo, a seconda di quando sei uscito a correre.

Sullo stesso argomento:
Fa caldo: quando e come correre?

Non misurarti

Ti misuri già il resto dell’anno: quanto hai guadagnato, quanti km hai fatto, quanti anni ha la tua macchina, quanti ne hai tu. Datti tregua e non misurare proprio niente. Esci solo col cellulare per capire eventualmente dove ti trovi ma non è necessario che tracci la tua corsa (a meno che non sia a Central Park, allora è obbligatorio bullarsene con gli amici). La vacanza significa prendere le distanze da tutto ciò che fai il resto dell’anno. Devi essere diverso: più rilassato e spensierato, perché finalmente hai tempo da perdere. Non senti quanto è liberatorio?

Eh ma io c’ho la mezza in autunno da preparare!

Ok ok, ho capito. Tu non stacchi mai e in vacanza ti alleni di più perché hai più tempo. Anzi: ti alleni pure 2 volte al giorno, tanto in spiaggia non ti piace stare. Ok, capisco. Però ciò non toglie che uno dei tuoi doppi allenamenti possa essere proprio così: senza meta perché la meta è la sola conoscenza del luogo dove sei con la corsa. Non è una cosa inutile se ci pensi: corri comunque e impari cose nuove. Vuoi un trucco per convincerti? Correre e fermarti (per ammirare) e ripartire sono una forma leggera di ripetute: vari i tempi e solleciti il cuore a cambiare ritmo. Meglio così? Ecco, chiamiamole “ripetute da vacanza”. Senza tempo anche quelle, ma pur sempre ripetute sono.
E adesso a correre: metti giù quel cardio GPS e corri con le gambe e soprattutto con gli occhi: quelle che farai sono corse che non ricorderai per i tempi o i km ma perché hai corso nella campagna francese o a Boston. Ma vuoi mettere?

Sullo stesso argomento:
Dall'Etna alle Dolomiti: Napoli

(Photo credits Federazione Italiana Sport Orientamento)

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

5 COMMENTI

  1. Ho approfittato della vacanza in campagna per correre tra i campi all’alba e ascoltare i suoni della natura… È stato magico!
    Ho fatto 5 km in meno di mezz’ora senza accorgermene e senza sforzo..
    Per me che sono abituata a fare 10 km solo alle gare (non competitive!) è un gran risultato!!

    • Un grandissimo risultato! Si capisce che eri davvero rilassata e ti sei lasciata trasportare dal flusso di energie positive della corsa :) Buone corse a te!

  2. Alcune delle più belle corse che ricordo le feci a Cala Gonone in Sardegna, nel 2014, dal villaggio dove vacanzeggiavo fino alla fine della strada a strapiombo sulla scogliera sottostante, circa 7 km tra andata e ritorno con un panorama assolutamente indescrivibile, mare e precipizio da un lato e montagna quasi verticale dall’altro. E un immancabile bastardino che ogni volta mi inseguiva abbaiando per 100 metri buoni.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.