Il significato di gareggiare contro te stesso

Gareggiare contro noi stessi è una sorta di suicidio, ma senza connotazioni cruente. È un'evoluzione ma è anche un gioco. E ce lo insegna David Foster Wallace.

Da quasi cinque anni parliamo di cosa sia la corsa e di come, nella realtà quotidiana dei fatti, sia una costante gara contro noi stessi. Ed è un pensiero di cui sono profondamente convinto: un continuo migliorarsi, evolversi e spingersi “un po’ più in là”.

Ma ieri sera leggevo Infinite Jest di David Foster Wallace e – guarda caso – si parlava proprio di questo. Stessa metafora, stesso concetto, solo lo sport è diverso perché nel libro era contestualizzato nel tennis ma non cambia nulla.

Fondamentalmente il protagonista della riflessione diceva che, quando giochi a tennis, dall’altra parte della rete non hai un avversario ma hai te stesso. E il tuo scopo è di sconfiggerlo. E successivamente partiva una riflessione, un pezzo di dialogo, che mi ha molto colpito. Eccolo:

– Ma allora lottare e sconfiggere l’io equivale a distruggersi? È come dire che la vita è pro morte? […] E allora quale sarebbe la differenza fra il tennis e il suicidio, la vita e la morte, il gioco e la sua fine?

– Non è diverso, tranne che si ha l’opportunità di giocare.

L’opportunità di giocare. È un concetto meraviglioso che spesso scordiamo. Infoiati nella foga disciplinata che ci porta a correre sempre più forte. Ogni volta che usciamo, stiamo giocando e, come in ogni gioco che si rispetti, c’è un vincitore e uno sconfitto che – in questo caso –  sono la stessa persona: noi.

Sullo stesso argomento:
Odio correre/amo correre

Ogni volta che ci superiamo abbiamo ucciso quella “versione” di noi stessi per andare verso una migliore, più consapevole, più preparata. Ogni volta che non ci riusciamo siamo semplicemente sconfitti. E dobbiamo ripartire da dov’eravamo arrivati.

È normale essere delusi o gioire in base al risultato? Sì. È giusto farne un dramma? Assolutamente no.

Perché è un gioco e, grazie al cielo, abbiamo l’opportunità di giocare tutte le volte che vogliamo.

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

2 COMMENTI

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.