E pasta di lenticchie sia!

Pasta di lenticchie con edamame, feta, datterini e avocado

Tempo di lettura: 2 minutiCi eravamo lasciati così Lunedì. Con un finto addio alla pasta.

Pasta di mais, riso, quinoa, lenticchie, avena, piselli, soia e moltissimo altro. Pasta deliziosa che diventa di vitale importanza per chi non può, ahimè, mangiare prodotti che contengano glutine e per chi ama variare, provare e testare. Per i curiosi e per gli appassionati di cucina questa nuova fiorente industria è davvero una manna dal cielo. Quella che ti propongo oggi è una pasta di ridicola preparazione perché ho adoperato del formaggio greco feta, pomodori datterino e l’immancabile avocado che non dovrebbe mai mancare nella dieta di ogni RunLovers che si rispetti. Ho aggiunto anche degli edamame perché sono deliziosi, salutari e gustosi. Purtroppo vengono individuati come i piccoli fagioli verdi che puoi trovare solo al giapponese come antipasto per il sushi. Non è così! Gli edamame li trovi surgelati (meglio di niente) o in scatola (al biologico, sicuro) e hanno tante di quelle proprietà benefiche che fanno girare la testa. CI soffermeremo ben presto.

senza-titolo-1

Vitamina E, C, magnesio, potassio, ferro, fosforo e proteine. Gli Edamame sono anche uno snack salutare di cui ti innamorerai perdutamente. Ci sono snack orientali a base di edamame e alghe che ti fanno perdere completamente la testa tanta è la bontà. Mangiare una buona porzione di pasta fatta al 100% di lenticchie rosse biologiche ti dà l’energia per affrontare le corse più complesse. I legumi sono necessari nella tua dieta e imparare a conoscerli pian piano tutti e sotto le più disparate forme è davvero una buona idea, no?

La Ricetta

Lessa la pasta di lenticchie come d’abitudine. Taglia i datterini e l’avocado e prepara gli edamame. Se li cuoci lasciali al dente altrimenti adopera quelli in scatola. Sempre il filo d’olio extra vergine delicato a crudo e via in tavola. Puoi arricchire con le spezie che preferisci, naturalmente. La bontà e la salute sono servite.

Avatar
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla ad Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? È figlia di un grande maratoneta. Ha pubblicato per Mondadori scalando le classifiche e donando alla Ricerca per il Cancro il suo ricavato. Continua a scrivere, disegnare, cucinare, fotografare inarrestabilmente.

Altri articoli come questo

Cosa c’è per cena? Il banana bread

Inizia una nuova rubrica che parla di cibo non solamente dal punto di vista nutritivo ma anche come appagamento dopo un allenamento, e risponde alla domanda "cosa c'è per cena?"

Conosci la food obsession 2020?

Sì è lui: il dalgona coffee. La food obsession 2020 che ha fatto il giro del mondo. Tutto comincia in Corea ma a ben guardare affonda radici che riguardano anche i nostri ricordi.

L’insalata insolita con il gazpacho all’anguria

Un'insolita insalata fresca e incredibilmente buona. Anguria, fragole e pomodori sono gli ingredienti principali ma è il profumo di menta che li farà abbracciare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.