Correre alle Isole Keys (per mangiare)

Key Lime Pie

Tempo di lettura: 2 minuti

Quanto sarebbe meraviglioso se fossimo lì? A correre sulle paradisiache spiagge delle Isole Keys? (cerca su google immagini, un attimino ti prego). Quanto? E invece siamo qui a patire il caldo in ufficio con sguardo allucinato da lemure insonne.
Però possiamo tornare a casa e prepararci la Key lime pie, dannazione! Quello possiamo farlo! Gustarla sul divano spaparanzati con il ventilatore sparato in faccia che ci muove i capelli e con gli occhi chiusi sognare di essere lì (se non hai i capelli non importa. Sappi che sei più affascinante e per far funzionare bene la cosa bisogna in fondo occorre solo chiudere gli occhi e sentire la brezza sul volto).

La Key Lime Pie, portabandiera delle Isole Keys,  è una torta-cheesecake profumatissima tipicamente composta da latte condensato e uova. La ricetta originale non prevedeva la cottura ma con i tempi che corrono direi anche no. Venti minuti in forno e passa la paura. Facilissima da preparare riscuote sempre un grandissimo successo e diventa un ottimo modo per gratificarsi. Perché d’accordo il cibo sano e il mangiar bene ma anche questo ne fa parte. A piccole dosi e una tantum ci sta eccome!

Buon viaggio adorabile RunLovers! Che la potenza del ventilatore e degli occhi chiusi sia con te!

Senza titolo-3

La Ricetta

Per la base di una tortiera di 26 centimetri di diametro

  • 270 grammi di biscotti secchi o tipo Digestive
  • 90 grammi di burro fuso (allo stato liquido proprio)
Sullo stesso argomento:
Lo sapevi che?

Per il ripieno

  • 5 tuorli di media grandezza
  • 30 grammi di zucchero
  • 500 grammi di latte condensato
  • 130 grammi di succo di lime freschissimo
  • 2 scorze di lime grattugiate (il lime non trattato)

Imburra per bene la teglia a cerniera e accendi il forno a 190. Frulla i biscotti o riducili in polvere infilandoli in un sacchetto e colpendoli con un matterello. Raccogli i biscotti sbriciolati in un recipiente e versa il burro fino a quando non ottieni un composto “pappettoso appiccicosiccio” (quanto mi piacciono i termini tecnici!) che sarà poi la base per la tua cheesecake. Livellalo per bene sul fondo della teglia e per tutta la superficie. Il vero segreto? Usare il dorso di un cucchiaio. Inforna per 12 minuti circa in modo che si compatti ulteriormente (si potrebbe pure lasciare in frigo per un’oretta abbondante se preferisci). Prepara la farcia sbattendo prima i tuorli con lo zucchero aiutandoti con la frusta elettrica e poi aggiungendo pian piano sia il latte condensato che il succo di lime e la scorza. Lavoralo per molti minuti. Fallo gonfiare e quando hai ottenuto un composto bello gonfio, liscio e morbido versalo sulla base e infornalo per 15-20 minuti circa. Tiralo fuori e lascia raffreddare prima di mettere la torta in frigo per almeno tre ore prima di servire (che va comunque tirata fuori un po’ prima, a prescindere. Sempre).

Sullo stesso argomento:
Perché il miele di Manuka?

Servi con panna montata (facoltativo) e fette di lime per arricchire la presentazione.

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.