Correre a Phnom Penh, Cambogia

Una corsa matuttina nella pacifica Phnom Penh è il modo migliore per entrare nello spirito di questo luogo magico

Articoli correlati

Correre a Miami

Non c'è posto dove Cristina non sia stata. Questa volta la troviamo a Miami. Che scriva guide di viaggio per lavoro?

Correre sul Monte Fuji

Dopo le prime due tappe a Kyoto e Tokyo, Cristina è arrivata sul Monte Fuji. Per correrlo, ovviamente!

Correre a Tokyo

Secondo episodio della trasferta di Cristina in Giappone: e questa volta siamo a Tokyo

Correre a Kyoto

Correre fra vecchie case di legno fino al palazzo dell'imperatore. Non è una favola: questo succede quando corri a Kyoto
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minuti

L’avevamo lasciata qualche settimana fa alle Hawaii e la ritroviamo oggi dall’altra parte del mondo: Cambogia, Phnom Penh. Cristina Luissana è inafferrabile: quando l’hai vista correre in Mongolia (siamo sicuri che ci andrà, se non c’è già stata) te la ritrovi a farlo in Norvegia. Ma prima doveva passare per la Cambogia. Quindi, eccola qui.


L’umidità si fa sentire. Il sole è sorto da poco, ma l’aria è già carica di clima tropicale. Sono a Phnom Penh, Cambogia, sono le 6 del mattino e inizio la mia corsa mattutina. Non conosco bene la città, ma so che per raggiungere il fiume Mekong devo andare a destra, e destra sia!

Phnom Penh 2

La città è calma, ma si percepisce il primo fermento mattutino e la vita di strada che a poco a poco inizia ad animarsi. Passo accanto alle pagoda, dove vivono i monaci buddisti. Alcuni escono, avvolti nelle luminose tuniche arancioni. Camminano da soli o in gruppetti e portano con sé un vassoio per raccogliere eventuali offerte. Trasmettono calma solo a guardarli. Raggiungo una delle piazze principali: venditori ambulanti trasportano i loro carretti e alcuni sono già posizionati ai lati della piazza. Iniziano ad accendere i bracieri e a mischiare salse e spezie, pronti a sfamare i più mattinieri. Per tutto il giorno questa piazza brulicherà di voci, cibo, profumi e persone. Sorprende la quantità di gruppi di persone che fanno attività fisica insieme: ci sono gruppi di yoga, thai-chi, badminton, aerobica e meditazione. Sono coloratissimi e molto ordinati, seguono all’unisono gli istruttori e paiono perfetti nell’armonico paesaggio di questa città.

Finalmente arrivo sul lungofiume e il paesaggio è meraviglioso: i ciliegi in fiore fanno da cornice al sole che è appena sorto sul fiume e illumina alcune barchette che rientrano dalla pesca del mattino, a lanterne ormai spente. Alcune arzille vecchiette in solitaria sul lungofiume erboso sono rivolte verso est e fanno il saluto al sole. C’è chi sta semplicemente seduto a gambe incrociate sulle panchine a guardare il fiume e chi passeggia, gustandosi la pace della città alle prime luci dell’alba, prima che venga invasa da motorini, traffico, colori, venditori e cibo.

Arrivo alla fine del lungofiume e mi giro: il cammino per tornare è uguale e diverso al tempo stesso. Noto alcuni edifici color ocra che prima non avevo visto, osservo le sagome ondulate dei tetti dei templi, scorgo giganti statue di Buddha e file di bandierine colorate appese un po’ ovunque. Continuo a correre, spostando lo sguardo dal pavimento davanti a me al paesaggio attorno a me, attenta a non inciampare in mattonelle fuori posto e a non pendermi nulla di ciò che mi circonda. 

Ad un certo punto il marciapiede si restringe davanti a delle strisce pedonali e mi fermo per far passare un papà e la sua piccola bimbetta. ‎Il papà mi guarda, mi sorride e dice qualcosa in khmer. Vede che non capisco, quindi unisce i palmi delle mani di fronte a sé e fa un lieve inchino. Questo sì che lo capisco, potere dei gesti! Ricambio l’inchino, sorrido e riprendo la corsa, grata per questo inizio di giornata così armonico e sereno.

Cristina Lussiana

Phnom Penh 3


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Angola
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Rwanda
– Senegal
– Sudafrica

AMERICA
– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Kathmandu
– Kyoto
– Myanmar
– Tokyo

EUROPA
– Amsterdam
– Cambridge
– Ginevra
– Oslo
– Portogallo


Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...