Brooks Launch 3: sembrano le 2, ma sono nuove

Sembrano le Launch 2, ma tanti piccoli importanti dettagli le rendono un'evoluzione molto positiva delle precedenti

Comodità
8
Estetica
9
Calzata
9
Tomaia
9
Suola
9
Peso percepito
9
Protezione
8
Rapporto qualità/prezzo
9

Articoli correlati

New Balance 1080 v10: evoluzione e rivoluzione

Tanta nuova tecnologia nella nuova versione delle New Balance 1080. Le abbiamo provate ed ecco come vanno, tra nuova tomaia e nuova ammortizzazione.

New Balance Fresh Foam Hierro v5, Il fascino intramontabile di Boston

Paco ha provato le New Balance Hierro 5, le nuove scarpe da trail dell'azienda statunitense. Ed ecco cosa ne pensa.

Le scarpe più amate del 2019

Il 2019 non è stato affatto parco in termini di novità. Non ci sono state rivoluzioni o meglio: quelle del passato sono arrivate a maturazione e hanno permesso di abbattere record imbattuti da decenni

Le scarpe veloci, secondo Nike

La recensione dei due modelli Nike dedicati alla velocità: Vaporfly NEXT% e Pegasus Turbo 2 (anche in versione Shield). Un'intersuola in comune e moltissime differenze.
Riccardo Mareshttp://blog.merlinox.com
Riccardo Mares detto Merlinox. Una strana alchimia di sport, bellavita e informatica. Si allena a suon di slalom tra i bit e ripetute di algortmi. Nel tempo libero aiuta i siti degli altri a funzionare meglio, molto meglio. I suoi? Piangono la sua mancanza. Personaggio strano: un #AlbaRunner. Adora la sua mamma, tanto da dedicarle un libro: #MammaMrx. Piatto preferito? La birra.

Tempo di lettura: 3 minutiNon faccio mistero di amare le Brooks Launch: già l’ho ammesso riguardo alle Launch 2.

Le amo così tanto che alla notizia dell’uscita del nuovo modello ero impaurito: il timore che Brooks snaturasse questa scarpa “perfetta” era tanto, un po’ come era già successo con le Ravenna 6, che mi avevano deluso rispetto alle 5. Lo dico subito: Brooks è stata bravissima. Ma spero di non averti rovinato la sorpresa.

Una scarpa molto amata (non solo da me)

La storia della Launch è particolare: nel 2012 sembrava che non dovesse più essere prodotta. A inizio 2013 escono invece le Launch 2 e sono un vero successo. Testimonial d’eccezione? Sua maestà Alessandro Fabian!
Le Launch sono un modello particolare: sono una A2 dedicata a chi ha un buon ritmo di falcata e non pesa eccessivamente. Non è però una scarpa secca e la sua ammortizzazione la rende ideale anche per le lunghe distanze. 

Da qualche settimana sono disponibili le Brooks Launch 3, questa volta con tanti colori diversi: nero, blu, rosso e le edizioni speciali in fantasia di verde, di grigio e di giallo (chiamata Tokyo).

Ok, ma cosa cambia?

110215_105_a_ZM

  • Nuovo design, nuovi colori e nuovi lacci: abbandonati quelli piatti, si passa al laccio cicciotto tipico già di Glycerine e Ghost
  • Nuovo tessuto per la tomaia più protettivo e più traspirante: la sensazione camminando è che sia davvero più fresco e che il piede respiri meglio. Piccolo contro: d’inverno il piede è un po’ più fresco. Il tessuto anche al tatto è diverso: sul modello 2 la rete più esterna (con i buchi tondi) sembrava tessuto, questo sembra una leggera tela
  • Aumentano le sovra plastiche laterali e frontali. Parliamo di un sottilissimo strato, in grado però di conferire un effetto fasciatura del piede superiore  e un maggior controllo: si perde un po’ l’effetto calzino tipico del modello 2 e delle Saucony Triumph, per acquisire un senso di maggiore stabilità, che si percepisce anche solo camminando
  • Piccolo dettaglio: la già esistente plastica frontale che proteggeva le unghie, appoggiata sulla tela e che a lungo andare tendeva a bucarla, ora si bacia con le protezioni laterali a cui è fissata con una finissima cucitura
  • Esteticamente la scarpa perde il tipico effetto pantofola, che la porta ad allargarsi, e assume una bella linea dritta per mordere l’asfalto con ancora più grinta.

brooks-launch3-vs-launch2

Che ne dici? Vale la pena di provarle? Io l’ho fatto con un bel 16 km sciolto, come fosse la mia scarpa abituale: davvero fantastiche. Amante della libertà del modello 2 devo dire che apprezzo molto questi piccoli dettagli che aumentano il controllo, così come apprezzo le caratteristiche inderogabili delle Brooks: l’intersuola in BioMoGo DNA che si adatta al peso e al tipo di corsa del runner (più duro e reattivo per i runner leggeri, più ammortizzante per quelli più pesanti) e la consueta e gradita solida costruzione.

A che runner è adatta?

Essendo abbastanza secca, reattiva e con relativamente poca ammortizzazione, la Launch 3 è indicata per runner neutri di peso medio ben allenati per i lavori di qualità ed è una validissima scarpa da competizione per distanze fino alla mezzamaratona.

(Si ringrazia il sito Tuttorunning.com che ha fornito il modello di prova)
- Advertisement -

Altri articoli

5 COMMENTS

  1. Ciao. io avrei intenzione di correrci una maratona con un passo medio di 4’30”. Pensi possano essere adatte visto che perso 60 kg?

      • Grazie. Penso che ci proverò. Uso un plantare personalizzato per correggere una iperpronazione…la mia frequenza di passo è alta (ca 190 passi). Grazie ancora

  2. salve, ho già usato le brooks transcend, problema al piede dx mi provoca tutt’ora a distanza già di oltre 400 km, vescica alla parte interna vicino all’avanpiede dx. spero sia solo un mio problema, ma ho letto anche atre recensioni simili. potrebbe essere un difetto del tipo di scarpa?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.