4 esercizi per allenare la mente

Tempo di lettura: 2 minuti

Qualche giorno fa ti ho parlato dei buoni propositi e di come sia difficile, nel tempo, mantenerli.
Oggi invece vediamo come tenere sempre viva la volontà e la motivazione (oltre che la mente sveglia e stimolata) perché è proprio da lì che si parte.

Cominciamo da Mahatma Gandhi, lui di forza di volontà e motivazione ne aveva tantissimo da insegnare: “La forza non deriva dalle capacità fisiche, ma da una volontà indomita”.
In altre parole, ciò che ci fa andare avanti e ci permette di raggiungere gli obiettivi è la forza, di volontà. Si parla di forza proprio perché influenza i muscoli (e il loro uso) ed è stata alla base dell’evoluzione perché è quella che ci distingue dagli altri animali che agiscono basandosi quasi esclusivamente sull’istinto. L’uomo, invece, ha affrontato le difficoltà acuendo la propria capacità di ragionare e di andare oltre le proprie esperienze. Se ci pensi bene quindi, la volontà è una specie di muscolo e come tale va allenato con metodo e regolarità.

Certo, all’inizio ti sembrerà difficile e stancante ma, almeno, non suderai. E, ciliegina sulla torta, migliorerà non solo la tua costanza verso lo sport ma anche il tuo atteggiamento mentale, la tua auto-disciplina, la tua capacità di resistere alle tentazioni.

Sullo stesso argomento:
Ogni goccia di sudore è preziosa: usala bene!

Tutto questo per dire che anche il cervello può essere allenato. Lo so, ci ho messo un bel po’ per arrivarci e quindi, per risparmiare tempo, partiamo subito con i 4 esercizi.

1. Cambia strada

Nei tuoi spostamente quotidiani, quei tragitti che fai tutti i giorni per andare a scuola/lavoro/ovunque, cambia strada frequentemente. Prova nuovi mezzi di trasporti, cambia il percorso. Questo ti aiuterà a tenere la mente sveglia e a disinserire il pilota automatico. Ti è mai successo di arrivare a destinazione dimenticando alcuni tratti di percorso? Ecco, in quel caso ti sei spostato per abitudine e non per consapevolezza. Cambiando tragitto frequentemente la tua mente rimarrà sveglia e vigile.

2. La tecnica dell’altra mano

È molto semplice: imponiti, se sei destrimano, di usare la mano sinistra nelle tue attività quotidiane. Cioè lavati i denti, pettinati, apri la porta, allacciati le scarpe, mangia, afferra gli oggetti come se fossi un mancino. In questo modo le azioni più semplici diventano invece gesti che fai consapevolmente e che aumentano il tuo livello di attenzione. Ovviamente i mancini devono invece usare la destra.

3. La tecnica della parola

Questi esercizi sono un po’ più difficili. Puoi provare, ad esempio, a stare in silenzio un intero giorno o, meglio, puoi parlare solo per rispondere a domande dirette. Un altro modo – molto più facile – è quello di evitare espressioni di cui abusi: ”esatto”, ”cioè”, o le parolacce. Anche con questo sistema aumenterà con il tempo il tuo autocontrollo e la presa di coscienza di te stesso

Sullo stesso argomento:
Fare il pane

4. La tecnica dei 30 giorni

Questa è la regina di tutte la prove e il suo ideatore è Steve Palina. Palina suggerisce di prendere una buona routine come, per esempio, leggere ogni giorno per un’ora o fare tutte le mattine una buona colazione, oppure di rinunciare a qualcosa, come la serie TV preferita o la doccia calda, e di portarla avanti per 30 giorni. Alla fine di questo periodo di prova puoi ritornare alla vecchia vita oppure portare avanti queste buone abitudine e – perché no?! – magari rinunciare a una cattiva!

Ovviamente ti consiglio di cominciare con una sola prova alla volta perché: prima di correre una maratona è meglio imparare a fare 10 chilometri!

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

3 COMMENTI

  1. La disciplina che noi stessi riusciamo ad imporci è alla base di ogni successo….la costanza nell’autodisciplinarci ci porta conseguentemente a vivere in uno stato psicofisico ottimale al quale non potremo più rinunciare in quanto sarà esso stesso la nostra vita….

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.