Sete? Tanta Sete!

Energy Drink, Succhi di frutta, bibite, frullati, cocktail, birra e tanto altro

Tempo di lettura: 6 minuti

Quest’anno più che mai, per via di un tasso di umidità infernale e un caldo opprimente, gli haters del caldo sono aumentati esponenzialmente – evviva il cielo perché ne sono orgoglioso membro dalla nascita. I consigli sono sempre quelli e vanno in onda su tutte le riviste del Benessere, che tanto ci piace sfogliare sotto l’ombrellone,  i telegiornali e programmi di intrattenimento pomeridiano (ma pure tra gli scaffali del supermercato e in fila alla posta): bere tanta acqua e idratarsi costantemente, mangiare leggeri e prediligere frutta e verdura,  vestire con roba di cotone-lino-fibre naturali e cose fresche (ah pensavo un dolcevita di lana merinos!), bagnarsi i polsi e sgonfiare i piedi con sale grosso e bicarbonato (un toccasana!). Se nelle stagioni fredde ci sfreghiamo le manine bramando crema di mascarpone per imbottire il pandoro o tozzi da trecento grammi di pane da pucciare nell’olio del roastbeef, d’estate ci fa davvero venire l’acquolina solo roba freschissima e da bere. Che masticare costa troppa fatica, diciamolo. Che siano granitoni, bibitoni, frullatoni -tutto oni- va bene uguale.

Ma quali sono le bibite più salutari in commercio?

Perché d’accordo bere tanto ma tra una birretta, uno spritz, tre succhi di frutta, otto litri di tè alla pesca e due smoothie potremmo arrivare a soddisfare il fabbisogno mondiale di calorie in un pomeriggio. Se ci sono mega cubettoni di ghiaccio e fetta di limone- per quanto mi riguarda- pure in poche ore. Nessun terrorismo psicologico, per carità! Consapevolezza: non è soltanto una bibita e possiede comunque un potere nutritivo, talvolta importante.  Regolarsi e abbinare di conseguenza. Solo questo!

La classificazione delle bevande

Si possono suddividere, questo gruppo di alimenti liquidi a tutti gli effetti, in tre grandi categorie

  • Bevande analcoliche: succhi di frutta, bibite, bibite gasate, frullati, cocktail, centrifugati, smoothie etc.
  • Bevande alcoliche: vino, birra, distillati, super alcolici etc.
  • Bevande nervine: caffè, tè, cioccolata, bibite energizzanti etc.
Sullo stesso argomento:
Vuoi qualche idea per delle colazioni indimenticabili?

smoothie1

Le bevande analcoliche

Spesso definite soft drink, sono ricche di zuccheri semplici ma possono contenere al loro interno anche discrete quantità di minerali. Nella stragrande maggioranza dei casi possiedono zuccheri aggiunti – non solo il fruttosio, ovvero lo zucchero naturale della frutta stessa. Queste bevande non sono quindi semplici dissetanti paragonabili all’acqua ma veri e propri alimenti perfetti per spuntini e merende a seconda della tipologia. Leggere la tabella nutrizionale di un qualsiasi succo di frutta in commercio farà sobbalzare gli irriducibili che buttano giù un litro a garganella come fosse acqua di sorgente. Scegliere un prodotto di fascia alta assicura innanzitutto una maggiore qualità della frutta (e percentuale) e degli ingredienti stessi. Non in ultimo la certezza che non siano stati aggiungi aromi e coloranti in quantità eccessive. Fateci caso tra gli scaffali dei succhi la prossima volta al supermercato: succhi con il sei per cento di arancia me lo chiami succo d’arancia? Come dire che una somiglia a Charlize Theron solo perché ha messo un po’ di acqua ossigenata in testa per schiarire i capelli.

Le bevande alcoliche

Hanno un elevato potere energetico e fin qui siamo tutti d’accordo. Ramanzine sacrosante a parte su un uso spropositato -e quanto questo possa riflettersi su molteplici aspetti del nostro fisico e psiche – c’è da dire che un consumo controllato (il classico bicchiere di vino rosso concesso dal dottore) non porta certamente a predisposizioni drammatiche. Certo è che l’ipertensione arteriosa, patologie come la cirrosi e l’insorgenza di tumori all’apparato digerente non sono leggende metropolitane. Buon senso, equilibrio e controllo.

Le bevande nervine

Sono quelle in grado di stimolare il sistema nervoso e quindi bevande in cui sono presenti elementi come la caffeina, la teofillina e la teobromina. Il cacao contiene non soltanto zuccheri e grassi ma anche proteine e sali minerali quali il ferro, fosforo e magnesio. Il caffè, croce e delizia di ognuno, pur non potendo essere classificato come alimento perché tutto contiene tranne che calorie non può essere gustato freddo a litri (e non è vero che fa dimagrire. Fa esaurire, quello sì!). Purtroppo d’estate questi bei bicchieroni di caffè freddo ci distraggono dal vero contenuto. Ritrovarsi la notte in preda a insonnie o aritmie è un passo semplicissimo. Ipertesi e col caldo? No grazie. Ultimamente poi la moda dilagante dei bicchieroni ghiacciati – buonissimi per carità – in seimila varianti mokaccino-capuccino-cannellino-cioccolatino ha fatto sì che tutti credessero di poterne far fuori vagonate perché: tanto è come un caffè. Niente di più sbagliato. Il tè freddo, poi, consumatissimo in Estate non può in alcun modo essere visto come alternativa all’acqua. Nonostante io stessa sia accanita consumatrice del tè verde bisogna sempre prestare attenzione e moderazione. Il tè freddo imbottigliato contiene una quantità di zuccheri impressionanti. Tutti la identificano come “una bevanda leggera”. La teina e gli zuccheri raffinati al loro interno creano una vera e propria dipendenza e per quanto possa essere buono ci si può ritrovare con quasi un litro in corpo in men che non si dica. Preparare a casa il tè freddo potrebbe ovviare al problema: allungare con molta acqua e scegliere zuccheri naturali e non raffinati (anche amaro aromatizzato alla frutta è buonissimo. Solo questione di abitudine!)

Sullo stesso argomento:
Colazione senza glutine?

bibite1

E gli Sport Drink?

Remineralizzanti ed energizzanti contengono vitamine e sali a go go. Vere e proprie iniezioni di potassio e magnesio ma anche di zuccheri sono ottimi come integratori per chi fa sport o per rinvigorirsi dalla pressione sotto i piedi. Nota dolente? Anche qui gli zuccheri, ahimè (maledetti!). Gli Sport Drink infatti ne contengono un bel po’. Gli zuccheri non si recuperano soltanto così e ai sali minerali possono sempre pensarci la frutta e la verdura consumata giornalmente e assiduamente in una dieta controllata. Ormai di sport drink, o presunti tali, in commercio ce ne sono davvero di infinite varianti. Packaging accativanti, mille gusti e colori accecanti che colpiscono l’iride. Peccato che anche qui non sia semplice acqua fresca e che un sovraccarico di sale potrebbe affaticare i reni.

Tra gli Energy Drink ce ne sono moltissimi di preparati energetici a base di carboidrati con aminoacidi ramificati e vitamine. Le più disparate esigenze hanno portato alla formulazione e alla messa in commercio di prodotti contenenti diversi tipi e forme di carboidrati in modo da poter garantire quelli a immediato assorbimento e quelle che al contrario si adattano perfettamente alle esigenze dell’atleta e del suo bisogno. Ritardano la fatica muscolare. Sono prodotti che vanno testati, provati e soprattutto acquistati con consapevolezza perché strettamente correlati a determinati tipi di sforzi e distanze. Per l’uso prolungato, ad esempio, è sempre consigliabile un consulto con un medico.

Sullo stesso argomento:
Le patate casalinghe alla giapponese

Fino ai 10 km non c’è bisogno di nessun Energy Drink, diciamolo, oltre i 10 km invece è il caso di pensarci perché l’integrazione è cosa buona e giusta. Una classificazione precisa poi li differenzia tra: prima-durante e dopo l’attività e anche qui bisogna prestare attenzione per non incorrere in spiacevoli inconvenienti. A dirla tutta le alternative naturali sono sempre le migliori.

copertina

Alternativa della Nonna Runner (da fare in casa)

Sciogli in un litro di acqua del succo di arancia e limone, aggiungi un cucchiaio di zucchero (meglio se di canna) e mezzo cucchiaino di sale. In pochissimi minuti avremmo un energy drink di tutto rispetto personalizzabile per gusto e pure il benestare della Nonna. E la Nonna non sbaglia mai!

Ora io non voglio dire che con uno sport drink e due caffè esplodono i reni e la notte in preda all’ipertensione uccidiamo il vicino di campeggio trasformandoci in Zombie ma che essendoci una vastità di prodotti incredibile è un bene non lasciarsi andare all’entusiasmo e alla sete atavica che tutti noi stiamo allegramente portando a spasso, insieme alle nostre stanche membra.

L’acqua aromatizzata rimane una delle alternative più valide e incredibilmente semplici da realizzare. Quella sì che puoi abusarne, qualora fossi in cerca di un consumo no limits.

Riassumiamo?

  • Controlla l’etichetta dei succhi di frutta e vedi davvero quanta frutta contengono o se sono solo agglomerati di zuccheri e coloranti.
  • La birra ghiacciata è buona, ma si tende a berne di più con il caldo e quindi è importante ricordare che provoca vasodilatazione. Ti farà sudare di più conferendoti anche un senso di spossatezza. Rinfresca sì ma nell’immediato. Buon senso e equilibrio, sempre! Ed è un ottimo premio dopo una corsa! (anche se gonfia la pancia, uff!)
  • Prediligi sempre frullati fatti in casa. Taglia a fette la frutta. Infilala in un sacchetto e mettila nel freezer (proprio come il gelato, sì). Poi frulla con un po’ di acqua o latte che preferisci. Assaggia senza zucchero per poterti rendere conto che basta solo quello. Il resto è un inutile surplus e sovraccarico per il tuo organismo.
  • Non abusare di energy drink credendo che siano perfetti per i Runner o per chi pratica attività sportive. L’uso deve essere sporadico e controllato perché studi medici hanno dimostrato quanto influiscano nel sistema nervoso (il rimedio della Nonna! Vai con il rimedio della Nonna!)
  • Bevi tantissimo, sì. Ma renditi conto per bene di quello che stai bevendo perché potresti ottenere esattamente l’effetto contrario e danneggiare il tuo organismo. Altro che idratazione!
Sullo stesso argomento:
Tre buoni motivi per mangiare cioccolato

E ora vado a bermi otto litri di caffè ghiacciato e zuccherato ok?

(il caldo. È colpa del caldo!)

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

4 COMMENTI

  1. Iaia sei una forza!! Ora ti seguo qui (anche se sono una runner ma shhh) visto che è diventato il tuo nuovo blog ? ??
    Sara

    • Saraaaaaaaaaa*le salta addosso e l’abbraccia.
      Prima di tutto grazie per essere qui. Ne sono davvero molto lusingata.
      In realtà RunLovers non è il mio nuovo Blog e da Settembre mi troverai (purtroppo per l’umanità) nella mia casetta.
      Innegabile però che questa sia la mia seconda casa (i RunLovers non mi sopportano più ma hanno pietà di me :-D).
      RunLovers non è soltanto per chi corre ma per chi vuole tentare di amarsi e star bene con il proprio corpo quindi sei assolutamente la benvenuta.
      Ti abbraccio fortissimo !

      :*

  2. Sara ❤️ Innanzitutto grazie per essere qui. Ne sono lusingata. Runlovers è davvero una bellissima realtà e non occorre assolutamente essere dei runner. Solo volersi amare e prendersi cura di anima e corpo.
    Non è il mio nuovo blog ( ?? in realtà i RunLovers vogliono liberarsi giustamente di me) e tornerò presto a delirare. Diciamo che è la mia seconda casa però. Se non sono lì mi trovi qui, ecco.
    Grazie infinite Sara. Apprezzo tantissimo e ti abbraccio forte ?. Un bacione!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.