E la RunLovers Pizza è servita!

Pizza con Noci, Mele e Cipolla (e pure la panna, sì)

Tempo di lettura: 2 minuti

Domenica. Giorno di maratone, gare, competitive e non. Giorno di passeggiate, montagna, mare e sentieri. Foto, video, sorrisi e completo relax per scaricare le tensioni della settimana e fare il pieno di bellezze per la settimana che verrà. Ricaricare le batterie, insomma (sì quelle in foto sono proprio batterie Sale & Pepe. Nelle cucine di RunLovers non mancano mai oggetti inutilmente utilissimi). E poi quando torni a casa ci siamo noi ad aprirti la porta con un sorriso sfavillante pronti ad accoglierti con *rullo di tamburi e rumore di scarpette sull’asfalto*:

La RunLovers Pizza!

Pizza con Noci, Mele e Cipolla

(ne facciamo una particolare, no? Altrimenti non sarebbe la Runlovers Pizza!)

Per 1 pizza di circa 30 centimetri di diametro

  • 30 grammi di burro
  • 1 cipolla tagliata sottile
  • 0.5 dl di panna (ma sì oggi usiamo pure la panna!)
  • 2 mele smith di media grandezza lavate e sbucciate, private dal torsolo e tagliate a pezzetti
  • il succo di uno/due limoni
  • 60 grammi di fontina o gorgonzola a scelta
  • 50 grammi di mozzarella tagliata a quadretti piccoli
  • una manciata di gherigli di noci
  • sale e pepe
  • olio extra vergine d’oliva

Sciogli il burro nella padella e fai rosolare le cipolle per non più di cinque minuti girando per bene. Se ti va puoi sfumare con del brandy che ci sta benissimo ma è facoltativo. Allunga con la panna e lascia sobbollire per un po’. Aggiusta di sale e pepe. In una ciotolina metti le mele e il succo di limone in modo che non anneriscano. Una volta stesa la pasta per la pizza copri la superficie con la fontina o con il gorgonzola (ma pure con entrambi). Sistema la mozzarella, le fettine di mela private del succo di limone e infine le cipolle che hanno cotto nella panna (eliminando l’eccesso di grasso dato dal burro) e i gherigli di noci. Inforna a 250 già caldo per 15 minuti al massimo fin quando la pizza non raggiunge il grado di cottura che ti piace di più.

Sullo stesso argomento:
Fa male mangiare uova?

Qualora volessi anche tu cimentarti nella Pizza Scarpetta in onore di Runlovers niente di più facile. Prendi un foglio e disegna la sagoma di una scarpa. Ritagliala per bene e adoperala come linea guida sulla pasta della pizza (potrei pure fare file scaricabile in jpeg per gente seria come me, ecco. FORSE è un po’ oltre. FORSE. Mi licenzierebbero, suppongo).

(fai una petizione e chiedi il disegno scaricabile in formato Jpeg. Fosse solo per farmi licenziare)

Buona Domenica RunLovers!

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

1 COMMENTO

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.