Running in Angola – Un addio lungo 15 km

Articoli correlati

Quando l’obiettivo di correre forte incontra i 30 anni

La passione e il rapporto "d'amore" con la corsa ti fanno andare oltre i tuoi limiti. Ecco cosa significa essere velocisti a trent'anni.

I motivi per assumere un runner

Un bel contributo di Giulia Panna che, oltre a essere una runner, si occupa di risorse umane. È una bella riflessione - scritta in linguaggio "tecnico" - sulle caratteristiche che hanno molti runner e che sono utili nel lavoro e nella vita.

Il ritiro in gara. Guida – semiseria – per accettazione e superamento

Può succedere di ritirarsi durante una gara e non è un gran problema. Capita a tutti, anche a Sara che però, in questo caso, ci scrive la sua guadi per superare l'evento.

Come un giorno ho cominciato a respirare, correndo

L'asma può impedirti di correre? Per lei non è stato così.
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minutiDopo averci portato a correre a Nairobi e in Madagascar, la nostra amica Cristina non riesce mica a stare ferma e oggi ci porta a correre in Angola. Noi continuiamo ad invidiarla. Almeno finché non ci porterà con lei. Per ora sognamo…

Luanda, Angola, Africa. Ore 18:30, 32 gradi, 80% di umidità. Be’… per lo meno sono in buona compagnia, guarda quanta gente c’é! Osservo la familiare mezzaluna del lungomare di Luanda:2,7km di asfalto e palme. Se potesse, suderebbe anche l’asfalto. Animo, poche storie, via!, si parte!
Conosco ogni singolo metro di questo percorso e conosco di vista almeno la metá degli altri runners, eppure questa corsa ha un sapore diverso. Perché? Perché é l’ultima. Tra 2 giorni lascerò definitivamente questo paese, a quasi 5 anni dal mio arrivo, e oggi mi sono allacciata le scarpe per salutare l’Angola a modo mio, correndo, con un allenamento di 15km in progressione. Sarà forse a causa dell’amaro retrogusto di despedida che sento, ma stavolta non ho proprio alcun stimolo ad accelerare il passo e non faccio alcun count-down per vedere quanti km mancano.
Voglio inoltre prendermi una piccola rivincita su queste lastre di asfalto che l’anno scorso mi hanno causato un brutto stiramento muscolare che mi ha privato del piacere di correre per 75 giorni, 18 ore, 7 minuti e 21 secondi (notare come la colpa ricada sulle lastre d’asfalto e non certo sulla mia falcata poco stabile!). Quindi un po’ per onorare la separazione da questa cittá e un po’ per orgoglio personale, assaporo tutti e 15 i km, uno dopo l’altro, e sento una strana stretta allo stomaco quando, felicemente stanca, li finisco.
Le mani sui fianchi, il busto inarcato, la testa rivolta in alto, il respiro affaticato; mi prendo 2 minuti per tornare alla normalità e giro la testa verso lo skyline di Luanda: grattacieli che spuntano come funghi… cavoli, quanto é cambiata! “Senti chi parla!”. E come dare torto a quella vocina da qualche parte dietro la testa? Non ci sono parole per riassumere tutto ciò che ho vissuto qua, ma la corsa é una buona metafora di questa lunga esperienza angolana. I primi passi un po’ incerti, mossi da una cieca consapevolezza: senti che devi andare lí, senti che la direzione é quella, ma non sai bene qual é la destinazione finale. Finché man mano che avanzi le cose si fanno piú chiare e capisci che, naturalmente, le gambe non potevano che portarti sulla tua strada, un passo dopo l’altro, proprio come nella corsa. E ancora, i piccoli cambiamenti a cui vai incontro man mano che avanzi non sono altro che scalini di una lunghissima scala chiamata vita. Ora ho corso 15km, oggi ho concluso 5 anni in Angola, ma si sa, mica é tutto qui. Domani mi aspettano altre sfide: tra 3 settimane devo arrivare a correre 21,097km e ho altro lavoro da fare in Kenya per i prossimi 2 anni. E così via, spostando l’asticella sempre un po’ più in là, perché “when you’re finished changing, you’re finished”.
Guardo ancora una volta la mezzaluna del lungomare e penso a quanto é stato bello, grazie, grazie infinite!, e mi giro, incamminandomi verso casa, immersa dentro a un totale senso di riconoscenza mischiato a tanta voglia di muovere le gambe su nuovi percorsi.

Cristina Lussiana

Angola2


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Rwanda
– Senegal
– Sudafrica

AMERICA

– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Cambogia
– Kathmandu
– Kyoto
– Myanmar
– Tokyo

EUROPA
– Amsterdam
– Cambridge
– Ginevra
– Oslo
– Portogallo


 

Altri articoli

5 COMMENTS

  1. Peccato che non si riescano a leggere tutti gli articoli…. clicco e mi si riapre quasi sempre”Correre in Angola”. Controllate i collegamenti ipertestuali…. grazie! :)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...