il Panino Parmigiana per il runner

3 minutes sandwich #5

Tempo di lettura: 3 minuti

Sono il disonore della mia terra, lo so. Una sicula che prepara pane senza lievito e lo imbottisce con il seitan, salsa vegana e triste foglie di lattuga che non ha macerato una notte nello strutto è qualcosa di imperdonabile. Mamma ricorda sempre con il cuore tronfio di orgoglio quando ancora piccola mi nutrivo di panino con la cotoletta, caponata e parmigiana per un LEGGERISSIMO spuntino. Non parliamo dei tocchetti di mortadella per spiluccare. E poi un bel cannolo per digerire. Una bambina che seguiva scrupolosamente una dieta sana, insomma. Un giorno rinsavirò, mi dico, e friggerò pure i bagnanti sul bagnasciuga in memoria dei vecchi tempi. Oggi quindi un piccolo passo verso la redenzione: il Panino Parmigiana! Del resto è tempo di rosolarci al sole e impanarci per bene con crema solare e granelli di sabbia. Quale miglior panino potrebbe essere metafora di questa estate appena iniziata? Un’imbottitura croccante che lascia spazio alla setosità della melanzana impregnata di mozzarella fondente e il buon gusto del cotto con il tuorlo sbricioloso. Un piatto unico che non lascerà di certo indifferente il palato.

La matematica del Panino

Si dice che per un panino bilanciato, inteso come piatto unico,  indicativamente occorrano: 33% di pane e cereali, 33% di verdura e frutta, 17% di carne e e pesce e  17% latte e derivati. Direi che tra pane, melanzana e pomodoro, uovo e prosciutto cotto e mozzarella la missione sia bella che compiuta! RunLovers poteva mai sbagliare? Naaaa.

Sullo stesso argomento:
Il risveglio che tutti sognano (anche i Runlovers)!

Un Runner non rinuncia mai a un Panino Gourmet

Ingredienti per 4 Panini circa

  • 4 panini meglio se integrali
  • 1 melanzana di media grandezza
  • 8 fette di mozzarella
  • 8 fette di prosciutto cotto (anche senza se sei vegetariano. Perché rinunciare?)
  • 2 uova bollite
  • 2 uova sbattute
  • pangrattato (se si vuole insaporire di più mischiato a del parmigiano o grana grattugiato)
  • salsa di pomodoro fresco al basilico
  • sale
  • olio extra vergine d’oliva

Usa una buona salsa pronta o preparala in casa con i pomodori che ti piacciono di più insaporendo con del basilico. Lava la melanzana e tagliala a fette. Su ogni fetta di melanzana poggia due fette di mozzarelle e una fettina di prosciutto. Sovrapponi un’altra fetta di melanzana e pressa con le mani non troppo delicatamente. Passa la melanzana imbottita nell’uovo sbattuto da ambo i lati e poi quando è completamente umida sempre pressando passala per bene sul pangrattato. Friggi in olio extra vergine bollente almeno due minuti per lato; dipende da quando è spessa la fetta di melanzana. Se è troppo spessa non rischiare di bruciarla o di proseguire la cottura ulteriormente che non fa bene. Poggiala su carta da forno e continua per dieci minuti la cottura a 180. Dividi il panino a metà e poggia la tua cotoletta di melanzana imbottita. Arricchisci con un’altra fetta di prosciutto e qualche fetta delle uova sode che hai precedentemente tagliato. Cospargi la superficie del panino con della salsa ancora calda.

Sullo stesso argomento:
Perché il miele di Manuka?

Servi questo panino caldissimo o eventualmente preparalo per tempo e poi passalo al forno per qualche minuto.

 

 

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

3 COMMENTI

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.