Perché sudiamo?

Lo sostengono Chris McDougall e molti antropologi: siamo nati per correre perché sudiamo

Articoli correlati

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Fuori dalla comfort zone

Smettiamo di mitizzare la comfort zone: per superarla non serve fare un Ironman in 4 ore.

Le gare virtuali sono il futuro, almeno quello più immediato

Prima di inorridire all’idea di una gara virtuale prova a pensare che ha anche i suoi punti forti

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiL’uomo non è l’animale più veloce del mondo. Uno gatto domestico ha una velocità di punta di circa 48 km/h. Più di Usain Bolt, che a palla ne fa 45,7. Esatto: se facessero una gara, Bolt rischierebbe di essere battuto dal suo gatto, ammesso che ne abbia uno.
In una gara di resistenza fra cavallo e uomo non è sempre detto che prevalga il cavallo. E quando succede, come a Llanwrtyd Wells nel Galles ogni anno, spesso non è per molti minuti. E parliamo di due animali con muscolatura e potenza completamente diverse.

Il vantaggio dell’uomo

La scienza spiega che il vantaggio dell’uomo è la sudorazione. O meglio: il meccanismo di termoregolazione del corpo che lo mantiene sempre ad una temperatura costante, espellendo il calore quando è in eccesso attraverso il sudore o trattenendolo in caso di bisogno.
La termoregolazione dell’uomo è insomma la più raffinata che esista nel regno animale, tanto da permettergli di non essere l’animale più veloce ma sicuramente quello più resistente alla fatica.
Come avrebbe infatti fatto l’uomo a diventare un animale carnivoro prima dell’invenzione delle armi capaci di cacciare a distanza? Sfiancando le prede che inseguiva, fino a poterle raggiungere da vicino e ucciderle.

Una macchina fatta per correre

Ma non è tutto. Ci sono altri fattori evolutivi che spiegano perché l’uomo è fatto per correre.

  • Le dita dei piedi sono allineate con il piede e con le gambe, in modo da favorire una corretta impostazione di corsa, capace anche di cambi di direzione improvvisi
  • Ha pochi peli e questo permette alla cute di scambiare più facilmente il calore con l’esterno
  • Ha glutei grandi, fatti per correre. I glutei infatti non servono o servono poco per camminare
  • Usa la testa per bilanciare il peso e correre con un’impostazione più equilibrata.

Perché ci rompiamo

Allora perché ci capita così spesso di infortunarci? Fasciti, tendiniti, fratture, microfratture: ma non siamo fatti per correre?
Gli infortuni non negano che siamo fatti per correre, ma indicano solo che lo facciamo in maniera sbagliata (impostazione o scarpe non adatte) e che lo facciamo senza allenarci abbastanza. Spesso si inizia a correre non giovani, usando quindi un corpo abituato troppo alla sedentarietà. Per evitare di farsi del male il consiglio più sensato è sempre quello di allenarsi fortificando il corpo. Per correre bene non conta solo correre, ma prepararsi a correre.


Vuoi scegliere la scarpa più giusta e allenarti a correre meglio? Leggi un po’ qui: 

 

(Tratto da “The Human Body Is Built for Distance“, di Tara Parker-Pope, New York Times – Photo credits Mark)

Previous articleÈ capitato
Next articlePorta a correre chi vuoi!

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.