Kalenji Kiprace, need for speed!

Articoli correlati

Nike Pegasus Trail 2 – Evoluzione della specie

Nike Pegasus Trail 2 era una scarpa molto attesa per almeno due motivi: il primo è che la sua versione precedente (Pegasus 36 Trail)...

New Balance 1080 v10: evoluzione e rivoluzione

Tanta nuova tecnologia nella nuova versione delle New Balance 1080. Le abbiamo provate ed ecco come vanno, tra nuova tomaia e nuova ammortizzazione.

New Balance Fresh Foam Hierro v5, Il fascino intramontabile di Boston

Paco ha provato le New Balance Hierro 5, le nuove scarpe da trail dell'azienda statunitense. Ed ecco cosa ne pensa.

Le scarpe più amate del 2019

Il 2019 non è stato affatto parco in termini di novità. Non ci sono state rivoluzioni o meglio: quelle del passato sono arrivate a maturazione e hanno permesso di abbattere record imbattuti da decenni
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minutiBorn to Run di Christopher McDougall è il libro che sta alla corsa come la Bibbia sta alla religione cristiana. Oltre all’elogio della corsa come gesto poetico e come attività naturale per l’uomo da sempre, l’autore difende l’importanza della tecnica di corsa.

E quando parla di scarpe massacra quelle iper tecnologiche ammortizzate super protettive costosissime preferendo le cosiddette scarpe di fascia “media”, senza tanti tocchi ricercati, mescole strane e tecnologie misteriose. Probabilmente McDougall impazzirebbe per le Kalenji Kiprace: oltre ad avere infatti un prezzo contenuto sono anche delle stupende scarpe per “imparare a correre”.

Dritte al sodo

kalenji-running_chaussures_scarpe_uomo_kiprace_running_8326176_1375199

Fronzoli non ne hanno, si avvertono subito chiare sensazioni che danno piacere ad ogni runner; leggerezza estrema, fit confortevole, stabile e non troppo “soffocante”, traspirazione efficace e tanta reattività della suola.
Inizio a correrci, ma… con queste ci vado in strada o in pista? Scaldiamoci per strada e poi andiamo in pista!
Nei 3 km di riscaldamento che corro su strada provo a controllarmi ma la sensazione di accelerare è impossibile da dominare; si sa che il riscaldamento è importante ma gestire il giusto passo con queste scarpe è davvero dura.

La via di mezzo

kalenji-running_chaussures_scarpe_uomo_kiprace_running_top

Dopo i primi km decido che sono una via di mezzo tra una A1 e una A2 a forte impatto performante: ti mettono davvero voglia di darci dentro pur conservando alcune caratteristiche di “neutralità” che per chi non è un professionista della corsa fanno sempre piacere.
Le sensazioni da brivido arrivano in pista. Caliamo giù una bella serie di qualità sopra soglia, 400/600/800/1000/1200/1000/800/600/400, e senza fiato arriviamo a capire qualcosa di più delle nostre arancionissime Kiprace.
Fit aderente e contenitivo, tomaia seamless che non “fa sentire” le sue cuciture neanche in torsione in curva, leggerezza ottima, drop altrettanto per accelerare di avampiede ma allo stesso tempo un po’ “neutro” quando perdi controllo nella tecnica di corsa e atterri di calcagno (e in crisi di ossigeno succede spesso). Il tallone che ti accoglie quando perdi l’avampiede magari può dare fastidio a un top runner, ma io ringrazio davvero che ci sia.

Il segreto nella suola

kalenji-running_chaussures_scarpe_uomo_kiprace_running_bot

Come per la precedente Kiprace Trail 2, anche nella Kiprace il punto forte è la scelta della tassellatura della suola: l’avampiede e la punta sono coperti di tasselli morbidi che si “attaccano” letteralmente alla pista e ti danno un controllo totale e un grande feeling con il terreno. Davvero azzeccata la scelta; mi ricordano i chiodi delle scarpe da atletica pura a testimonianza della natura da velocista della scarpa.
Interessante anche la “quasi X” sul mesopiede, per guidare la torsione del piede e favorirne il recupero dopo la spinta. Mi ricorda il sistema TORSION di Adidas, con la dovuta differenza di maturità del sistema.
Dopo aver fatto un po’ di qualità in pista ritorno sull’asfalto correndo piano piano; a corto di ossigeno e lucidità perdo il controllo della corsa e finisco inevitabilmente per usare tantissimo il tallone e qui spuntano i piccoli problemi della scarpa: la mescola è davvero dura e non favorisce una corsa di tallone ripetuta; sull’avampiede la mescola in EVA è più densa e restituisce energia bene, ma sul tallone questa sensazione si perde.

Una foto chiarissima

TOP: fit ottimo, aderente ma non “soffocante”, leggerezza piacevole (205 g il 43,5), tacchetti che offrono una stabilità estrema.
DOWN: drop neutro (ma è un DOWN solo per i PRO), mescola della suola troppo rigida.

Il prezzo è ottimo: 79,95 euro per un prodotto di tutto rispetto. I marchi più noti offrono al doppio del prezzo solo alcuni dettagli in più. Dettagli che per i top runner possono fare la differenza ma trascurabili per tutti gli altri.

Enrico Segantin

kalenji-running_chaussures_scarpe_uomo_kiprace_running_8326176_1363100

- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

Come iscriversi alla NY City Marathon (virtuale)

Ecco come partecipare alla virtual race della NY CIty Marathon

Cose che non puoi fare a una maratona

Le regole sono regole e anche le maratone o le gare di corsa hanno le loro. Alcune condivisibili e altre che ti lasceranno un po’ così.

Una dieta particolare

Un limite di molte diete è quello di obbligare a pesare gli ingredienti. Questa è la testimonianza di chi ne ha provata una che non richiede quantità specifiche. E che (per lui) ha funzionato
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Come si allena la resistenza mentale?

Una buona prestazione fisica ha una potentissima componente mentale. Ecco cosa distingue i campioni dai buoni atleti. Ed ecco come puoi allenare la mente a essere resistente.

Stretching: sì o no?

Bisogna fare stretching? E se sì: prima o dopo la corsa? Proviamo a rispondere una volta per tutte.

Puoi correre se sei sovrappeso?

Si può correre se si è sovrappeso o obesi?