Io parlo da solo: il runner invisibile

Tempo di lettura: 2 minutiNo, non è una critica tardiva (quasi vent’anni dopo) al film di Bertolucci ma un vizio che, grazie a un post che Chiara ha pubblicato nel nostro gruppo Facebook (sei già iscritto, vero?), mi sono reso conto di non essere l’unico ad avere. E quindi ecco la mia confessione.

L’alibi e l’invisibilità

“Per capire se sei dentro alla tua zona aerobica dovresti riuscire a sostenere una conversazione correndo”. Così si legge nei libri ma se corri da solo come fai? Facile, parli da solo, come un pazzo! E questo è sicuramente l’alibi.

In realtà per me le cose vanno un po’ diversamente. La corsa è l’unico momento in cui sono solo con me stesso e quindi mi viene naturale riflettere e pensare ad alta voce. Poco importa se io – di fatto – non sia realmente solo, perché quando corro mi sento come in una bolla. Unica e impenetrabile. Dove posso vedere e sentire gli altri ma loro non possono vedere o sentire me. Insomma, mi sento un runner invisibile e impercettibile.

Non importa che io stia facendo un allenamento programmato che richieda la mia concentrazione oppure una corsa in scioltezza per svuotare la mente. In entrambi i casi mi sento da solo – nonostante i saluti dei passanti o degli altri runner che incontro. Forse dipende dalla concentrazione, forse dipende dalla mente totalmente svuotata o forse dipende dal sapere che quello è un momento solo mio. Io comunque parlo, canto e – a volte – ballo mentre corro.

Il momento della felicità

La corsa è sempre – anche quando piove, nevica o stai facendo le ripetute – un momento di grande gioia. E viene naturale lasciarsi andare e comunicare questa gioia. Anche perdendo alcuni freni inibitori. Perdita giustificata perché quando stai correndo vieni percepito anche dagli altri come tu fossi in una dimensione diversa. Un eroe per alcuni, un pirla per molti altri. Ma chissenefrega. Mi sto divertendo e quindi non mi interessa a cosa pensa la gente.

Io parlo, canto e ballo mentre corro. Ed è il mio personalissimo modo per sentirmi solo e libero.

Avatar
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Altri articoli come questo

I motivi per assumere un runner

Un bel contributo di Giulia Panna che, oltre a essere una runner, si occupa di risorse umane. È una bella riflessione - scritta in linguaggio "tecnico" - sulle caratteristiche che hanno molti runner e che sono utili nel lavoro e nella vita.

Il ritiro in gara. Guida – semiseria – per accettazione e superamento

Può succedere di ritirarsi durante una gara e non è un gran problema. Capita a tutti, anche a Sara che però, in questo caso, ci scrive la sua guadi per superare l'evento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.