Hai paura del buio?

Articoli correlati

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

La prova del Miglio Magico

C'è un metodo semplice per capire esattamente quale sarà la tua andatura in gara. Per conoscerlo devi correre il Magico Miglio, ma non è niente di mistico!

La corsa e la qualità dell’aria

Correre fa stare all’aria aperta e fa star bene. Ma fa sempre bene stare all’aria aperta, specie quando non è poi così pulita?

Adattarsi alla temperatura e monitorare le prestazioni

La chiamiamo "la nostra palestra" e ne abbiamo tutti i motivi perché è proprio lì che sudiamo, ci alleniamo, ci divertiamo: per strada. Certo,...
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiÈ tornato il buio presto, le giornate si sono accorciate, le piacevoli corse serali con il fresco estivo sono un lontanissimo ricordo.
Se fossi un orso i segnali che la natura ti sta dando sarebbero inequivocabili: trovati una caverna e stacci fino alla prossima primavera. Ma tu sei un runner, no?
Non sarà di certo un po’ di buio a tenerti chiuso in casa.

Col buio si può correre, eccome. Anzi: correre con il buio è una cosa completamente diversa dal farlo con la luce, ma non per questo meno divertente. Anzi.
Basta farlo con qualche accorgimento in più. Vediamo quale.

1. Visibilità

Il principale problema della corsa col buio è quello [rullo di tamburi] della visibilità: devi vedere dove vai e devi essere visto. La visibilità è di due tipi:

Visibilità attiva

Per vedere dove stai correndo hai fondamentalmente due alternative: correre su percorsi illuminati (che non sempre troverai, anche in città) o illuminare il tuo percorso. Per farlo puoi usare le lampade frontali (che monti sulla fronte) o quelle da petto. Nel primo caso il fascio di luce segue la rotazione della tua testa, nel secondo è fisso davanti a te. Il primo tipo è preferito nei percorsi trail notturni perché devi poter spaziare e dirigere il fascio luminoso in molte direzioni in poco tempo. Per la città quella da petto sarà più che sufficiente.

Visibilità passiva

In altre parole: fatti vedere. Risolto il problema di vedere la strada devi renderti visibile agli altri – pedoni, ciclisti o runner – e soprattutto dalle macchine. Puoi usare luci LED da montare sulle braccia, sulle caviglie o sul bacino. È meglio montarle in parti del corpo in movimento (braccia o gambe) per aumentare ulteriormente la visibilità.
Non dimenticare di indossare sempre abbigliamento tecnico di colore chiaro e comunque sempre sempre sempre (ho detto sempre?) dotato di strisce riflettenti, scarpe comprese. Se non ne hai di questo tipo puoi acquistare a pochi soldi delle strisce apposite da applicarti in punti ben visibili del corpo (ancora: braccia, spalle, caviglie).

2. Sicurezza

Correndo al buio la tua soglia di attenzione deve essere più elevata che alla luce del sole: vedi meno cose e quindi devi sforzarti e concentrarti di più. Inoltre devi curare molto di più la tua sicurezza. Per evitare piccoli o grandi incidenti presta particolare attenzione a questi dettagli:

Piedi alti

Alza i piedi più di quanto faresti normalmente: eviterai oggetti o imperfezioni della strada di cui avevi sottovalutato la grandezza. O che magari non avevi nemmeno visto.

Portati sempre il cellulare

Esci sempre a correre con il cellulare, anche se non hai questa abitudine. Potrai segnalare se hai qualche problema o chiamare un mezzo di soccorso se è successo qualcosa di più grave.

Corri con amico

Visto che il buio è amico dei brutti cattivoni, evita se puoi di correre da solo: fallo con un amico o con un gruppo di persone. La vista di due o più persone che corrono dissuade i malintenzionati e comunque 4 o più occhi vedono molto meglio di due soli, no?

Fai strade che conosci

Prediligi percorsi che già conosci: dovrai concentrarti di meno sulla strada perché già conosci tutte le buche che ci troverai. Scegli possibilmente strade ben illuminate.

Avverti sempre che esci a correre e che percorso farai

La sicurezza non è mai troppa, quindi avvertire qualcuno del percorso che farai ti potrebbe essere molto utile nel caso qualcosa vada storto e tu non riesca ad avvertire telefonicamente e chiedere aiuto. Può sembrare esagerato e non vogliamo terrorizzarti, ma la prudenza non è mai troppa. Non devi mica dare la tua longitudine e latitudine: basta dire vado verso, faccio quel giro, ecc. ecc.

3. Divertiti

Correre al buio richiede concentrazione ma sei ripagato da un’esperienza unica. Per farlo devi acuire i sensi: percepirai cose che non vedresti normalmente (perché non ci faresti caso) e sentirai odori che non hai mai sentito, specie se corri al mattino prima dell’alba.
E soprattutto farai quello che ami fare, ma in una nuova dimensione.

 

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Topo Athletic Ultrafly 3, e corri sui binari

Le Topo Ultrafly 3 hanno qualcosa che non tutte le scarpe da running hanno: l'equilibrio

La prova del Miglio Magico

C'è un metodo semplice per capire esattamente quale sarà la tua andatura in gara. Per conoscerlo devi correre il Magico Miglio, ma non è niente di mistico!

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.