Correre nudi

Articoli correlati

Le gare virtuali sono il futuro, almeno quello più immediato

Prima di inorridire all’idea di una gara virtuale prova a pensare che ha anche i suoi punti forti

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Pronti a ripartire?

Dopo lo stop forzato si riprendere a correre. Sei pronto? Come sarà la tua forma fisica? La tua prima corsa non sarà come le altre e la cosa più importante è viverla bene mentalmente, soprattutto

Nuovi inizi

Si ricomincia con nuovi stimoli, nuovi obiettivi, un sito tutto nuovo e la Forza, che sarà sempre con noi!
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 2 minutiSe ti stavi già scandalizzando per il titolo, sta’ pure tranquillo: non sto parlando di corsa naturista, se sei interessato a questo, dovresti iscriverti a quelle gare-evento in cui si corre in mutande. Ma andiamo avanti.

Negli ultimi anni, quando usciamo a correre, abbiamo con noi sempre più spesso: telefono, cuffie, ipod, fascia-cardio, GPS (e aggiungi pure gli accessori che preferisci). Tutti questi elementi sono utili – alcuni lo sono di più, altri di meno – perché ti aiutano ad affrontare il tuo allenamento sia sul piano atletico e prestazionale che su quello del divertimento e dell’intrattenimento.

La consapevolezza distratta

L’utilità di un accessorio tecnico, come può essere un cronometro o un gps, è indiscussa perché scandisce in maniera precisa le nostre sessioni di corsa ma – sul piano della consapevolezza – non si può dire altrettanto. Infatti, ascoltando e affidandoci interamente a questi strumenti, tendiamo a dimenticare di ascoltare le reazioni del nostro corpo, che sono ogni giorno differenti perché influenzate da moltissimi aspetti variabili come sonno, alimentazione, temperatura, capacità di concentrazione.

Hai notato che, da quando usi il navigatore satellitare in auto, il tuo senso dell’orientamento – sempre che tu l’abbia mai avuto ;) – è peggiorato? Nella stessa maniera si corre il serio rischio di perdere la capacità di ascoltare il nostro corpo e di averne consapevolezza, diventando così dipendenti dalla musica o dalle prestazioni cronometriche.

La musica, in particolare, se da un lato allieta le nostre corse e a volte ne è anche fonte di motivazione, dall’altro tende a coprire i rumori (sia ambientali che quelli del nostro corpo), tenendo occupata una buona porzione del nostro cervello e – di conseguenza – limitando la nostra capacità di ascoltare le sensazioni, le reazioni e i movimenti del corpo.

Ma attenzione, non sto dicendo che sia sbagliato correre con la musica, il GPS o il cardio, il punto è che non devono avere il sopravvento su quello che dovrebbe essere il nostro ultimo scopo.

L’esercizio

Una volta ogni due settimane, esci a correre senza musica o GPS (se ti senti più tranquillo, il telefono portalo comunque) per un allenamento di media durata, cercando di mantenere lo sforzo costante, basandoti solo sul respiro e sulle tue sensazioni. È irrilevante la prestazione assoluta, ciò che conta è esercitare la tua capacità di “ascoltarti”.

Dovrai percepire la fatica ma non dovrai essere esausto, prestare attenzione alla respirazione, al movimento delle braccia, alla posizione del sistema fianchi-busto-spalle e al modo in cui appoggi il piede per terra, cercando di tenere una posizione eretta e ad atterrare nella parte mediana del piede (non correre in punta come Rudolf Nureyev o di tallone come il bigfoot) e concentrati sugli effetti che questi movimenti hanno sulla tua corsa.

Servirà ad aumentare la tua consapevolezza e, credimi, anche le tue prestazioni.

 

(credits immagine principale: ©iStockphoto.com/g-stockstudio)

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.