5 consigli per correre in autunno

Tempo di lettura: 3 minuti

Potrei iniziare con la canzone dei Righeira ma, non preoccuparti, te la risparmierò. Però è inequivocabile che – nonostante gli effetti dei cambiamenti climatici che “signora mia, non ci sono più le mezze stagioni” – l’estate è agli sgoccioli, le giornate si accorciano e il caldo si trasforma in miti giornate autunnali.

Ma se l’estate aveva i suoi pregi (e i suoi difetti), l’autunno non è da meno. Infatti, se la temperatura si fa più “accettabile”, è anche vero che il meteo è più variabile e dovremo ricominciare ad affrontare le corse con il fresco, la nebbia o sotto alla pioggia (ma comunque è sempre una figata!).

Ecco quindi un po’ di regole da seguire per correre in autunno.

1. Non aver paura del freddo

Alla prima giornata con il cielo coperto è abbastanza frequente vedere i parchi pieni di runner in abbigliamento invernale con pantaloni lunghi, giacche antivento più adatte a esplorazioni himalayane che a una run autunnale, sciarpe, guanti e qualunque cosa possa proteggere dai climi gelidi di un’era glaciale. Ecco, tutto questo è sbagliato.

Per avere un’indicazione su come vestirsi basta tu abbia un termometro fuori dalla finestra e guardi quanti gradi segna prima di decidere come vestirti. In questo caso vale sempre la regola dei “dieci gradi in più”: se il termometro segna 8°C, vestiti come se fuori ce ne fossero 18 perché quella sarà la tua temperatura percepita. Se proteggi troppo il corpo e gli impedisci di raffreddarsi, sarà come correre con la febbre e questa – credimi – non è affatto una bella esperienza.

Sullo stesso argomento:
Il metodo per correre più veloce in una sola settimana

2. Proteggiti dall’acqua, oppure immergitici

Anche in questo caso la regola si può riassumere in poche parole: cerca di tenere asciutta la parte bassa del corpo e non aver paura di bagnare quella alta. Più i piedi stanno all’asciutto e meglio è. Chiaramente, se piove a dirotto e ormai sei fradicio, la frittata è fatta e quindi potrai saltare di pozzanghera in pozzanghera come un felice bambino di 8 anni.

Se non piove ma c’è umidità cerca di tenere i piedi asciutti e le suole su una superficie ruvida. Correre sulle strisce bianche della strada può riservare spiacevoli sorprese come scivoloni degni dei più comici filmati di youtube. Peccato siano comici per chi guarda ma non per chi li vive in prima persona.

3. La visibilità innanzitutto

Le giornate si accorciano e, se prima eri abituato a correre con la luce dell’alba o del tramonto, ora ti troverai a uscire di casa che è buio. Ci puoi fare ben poco se non programmare percorsi ben illuminati ed essere prudente.

Puoi, inoltre, diventare più visibile ai fari delle auto usando abbigliamento ad alta visibilità oppure delle fasce in materiale rifrangente che puoi trovare anche nelle grandi catene di articoli sportivi.

Uno studio fatto recentemente ha dimostrato che chi indossa elementi rifrangenti ad alta visibilità è 30 volte più visibile di chi non li indossa e veste di nero. D’accordo che il nero snellisce ma vale davvero la pena rischiare? Non credo proprio.

Sullo stesso argomento:
Holishkes: Involtini di Verza

4. Non puoi e non devi trascurare il riscaldamento

“Ma come? Mi hai appena detto di non vestirmi troppo e adesso parli di riscaldamento?”. Sì, proprio così. Perché più la temperatura si abbassa e più diventa assolutamente indispensabile riscaldarsi prima dell’allenamento vero e proprio. Considera inoltre che un riscaldamento ben fatto ti permette di allenarti meglio, andare più veloce e incrementare la tua resistenza. Qui trovi tutti i consigli su come riscaldarti correttamente.

5. Goditi il panorama

L’autunno è in assoluto la stagione con la luce più bella, calda. Con le foglie che cadono e formano delle vere e proprie passerelle naturali (attento che sono scivolose però). Non correre sempre all’inseguimento del tempo ma ogni tanto goditi anche la nostra palestra all’aria aperta. Non è mai uguale a se stessa!

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

1 COMMENTO

  1. D’accordo per i 10 gradi in più, quindi cosa indossare? Solo una lrggera antivento smanicata e pantaloncini corti o lunghi? Lo chiedo perché in autunno mi becco sempre stati influenzali!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.