3 passi facili per aumentare la distanza

Articoli correlati

È il momento giusto per cambiare allenamento

Il cambiamento a volte è inevitabile. L'importante è saperlo gestire. E chissà che non porti più benefici che altro.

I 6 trucchi di un trail runner fortissimo per correre meglio e più veloce

Sei consigli da un fortissimo ultratrail runner per correre meglio e più forte in montagna. Utilissimi anche in piano

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 3 minutiLe fasi, quando si corre, sono sempre segnate da due fattori: voglio andare più forte, voglio andare più lontano. In entrambi i casi ci sono dei metodi semplici per migliorarsi: ripetute, lunghi, core stability, fartlek, ripetute in salita; tutto mischiato sapientemente per raggiungere lo scopo che ti sei prefisso perché – è risaputo – la sfida con te stesso non è mai vinta o conclusa. La sfida è sempre aperta!

Se invece vuoi andare più forte e più lontano in poco tempo e senza sforzo, beh, in quel caso credo che un’ottima soluzione possa essere un pellegrinaggio in una meta mistica di tua scelta ma – credimi – non credo funzionerà granché.

L’importante quindi è partire sempre dal presupposto che ogni conquista richiede tempo e disciplina. Purtroppo. O per fortuna, perché altrimenti sarebbe poco interessante vincere a mani basse senza sforzo.

In RunLovers Club (sei già iscritto, vero?), il nostro gruppo Facebook, molte persone si sfidano a chi fa più chilometri in una settimana. È bellissimo perché chiunque cerca sempre di aumentare il proprio “chilometraggio”, senza competitività ma con lo scopo di migliorare se stesso – e con il supporto di tutti.

Ma come aumentare la distanza con intelligenza? Perché – ti svelo un segreto – non è possibile passare da 50 a 150 Km/settimana con naturalezza. È invece necessario farlo con metodo, in modo da costruire un risultato duraturo, senza incorrere in inutili rischi di infortunio.

1. Trova la tua Percorrenza di Base

È il punto di partenza, la distanza totale nella settimana – perché da ora in poi ragioneremo solamente su base settimanale – che comunemente percorri senza subire il temuto effetto gamba-legnosa (overtraining) o – peggio –  di sentirti come se non avessi corso (undertraining).

Scoprire qual è la tua Percorrenza di Base è estremamente semplice: controlla gli allenamenti degli ultimi 4-6 mesi e trova la distanza totale su cui ti senti più a tuo agio. In cui ti senti “allenato” ma anche che, forse, potresti dare un po’ di più.

Mettiamo, per semplicità di calcolo, che la percorrenza settimanale confortevole sia 50 km: questo sarà il nostro punto di partenza, le fondamenta su cui costruiremo la nostra distanza.

2. La regola del 10+5+0

Tranquillo, non devi aggiungere 15 Km alla settimana. Semplicemente, partendo dalla tua Percorrenza di Base, devi aggiungere il 10% una settimana, il 5% quella successiva e poi consolidare per una settimana.

Quindi – sempre partendo dai nostri ipotetici 50 Km/settimana, e mi perdonerà la mia prof di matematica del liceo se sbaglierò – la prima settimana correrai 55 Km (50 Km + 10%), la seconda diventeranno 58 (55 Km + 5%) e la terza settimana i chilometri totali da percorrere saranno ancora 58. Per la successiva potrai aggiungere il 10%, per quella dopo il 5% e via così finché non sarai un ultramaratoneta!

Ok, mi sto antipatico da solo per tutte le formule che sto usando e probabilmente la vera prova di resistenza è portare a termine la lettura di questo articolo ma – se sei arrivato fin qui – spero avrai apprezzato lo sforzo di semplificazione che sto facendo. Comunque non temere, abbiamo quasi finito. ;)

3. La settimana di recupero

Anche quando si fa una colata di calcestruzzo, è necessario attendere un po’ di tempo perché si stabilizzi. E perché dovrebbe essere diverso nella corsa? Quindi, ogni 6 settimane, è bene prevederne una di recupero in modo da consolidare ulteriormente la nostra nuova Percorrenza di Base e prevenire eventuali infortuni. Come? Riducendo la percorrenza del 25% nei 7 giorni.

Vuoi un esempio numerico? Sicuro? Ok.

Se la tua nuova Percorrenza di Base è di 80 Km, per una settimana farai 60 Km totali. Sarà una piccola settimana di vacanza sulla quale magari potrai concentrarti sul cross-training o su un carico maggiore di core stability che varrà anche come rincorsa per ricominciare a costruire.

Ripartendo da 80 Km, ovviamente.

- Advertisement -

Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

Come iscriversi alla NY City Marathon (virtuale)

Ecco come partecipare alla virtual race della NY CIty Marathon
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Come si allena la resistenza mentale?

Una buona prestazione fisica ha una potentissima componente mentale. Ecco cosa distingue i campioni dai buoni atleti. Ed ecco come puoi allenare la mente a essere resistente.

Stretching: sì o no?

Bisogna fare stretching? E se sì: prima o dopo la corsa? Proviamo a rispondere una volta per tutte.

Puoi correre se sei sovrappeso?

Si può correre se si è sovrappeso o obesi?