3 minutes sandwich #2

Hamburger vegetariano di lenticchie e ceci con maionese di avocado al sapore di wasabi

Tempo di lettura: 3 minuti

Mi è capitato di sentir dire (più volte) che l’hamburger vegetariano piace moltissimo ma “chissà quanto tempo per prepararlo!”. Niente di più sbagliato. I legumi non devono essere necessariamente cotti appositamente per la preparazione. Si possono adoperare quelli in scatola, magari di buona marca e – al tempo stesso – ingredienti come il riso, l’orzo, il grano decorticato, la quinoa e perché no anche gli avanzi possono essere riciclati e trasformati in delizie che piaceranno tanto (anche ai bambini: impazziscono per quelli con ceci e verdure croccanti ma di questo parleremo, purtroppo per voi, in un altro momento).

1Gli ingredienti (per 6 hamburger)

  • 250 grammi di lenticchie cotte (in scatola vanno bene)
  • 450 grammi di ceci cotti (in scatola vanno bene)
  • 1 uovo
  • 180 grammi di pangrattato (si può adoperare anche del pancarrè: 90-100 grammi circa)
  • 2 cipolle tagliate sottili
  • prezzemolo, foglie di sedano o coriandolo fresco tagliato, se piace
  • spezie o aromi che si preferiscono (curry, zenzero, curcuma, paprika, mix di spezie. Una punta di wasabi, a gusto, è perfetta come lo zenzero fresco grattugiato sul momento, senza dimenticare la scorza di agrumi come lime, limone, arancia e cedro)

2La Preparazione (fase 1)

Cuoci le cipolle in pochissimo olio extra vergine d’oliva già caldo in una padella; potresti anche aggiungerle crude all’impasto dell’hamburger ma così cuoceranno meglio e tutto risulterà più leggero e digeribile. Se hai tempo e vuoi una preparazione ancora più leggera puoi anche cuocerle a vapore o al forno con un po’ d’acqua. Lasciale raffreddare.

Sullo stesso argomento:
Corri veloce ma cucina lento

Frulla i ceci e solo tre quarti delle lenticchie.

3La Preparazione (fase 2)

Aggiungi al passato di ceci e lenticchie l’uovo, la cipolla, le spezie e gli aromi che hai scelto fin quando ottieni un composto liscio e omogeneo. Aggiungi infine le restanti lenticchie in modo che l’hamburger abbia una consistenza anche leggermente croccante. In ultimo il prezzemolo/coriandolo/foglie di sedano e il pangrattato (potresti anche aggiungere, qualora fossi intollerante, della farina di riso fino al raggiungimento di una consistenza corposa).

4La Preparazione (fase 3): le varianti

Gli hamburger vegetariani e vegani possono essere insaporiti, aromatizzati e composti in infiniti modi. Le patate aiutano sempre a dare una consistenza più compatta, come l’uovo. Le patate grattugiate, anche crude e in abbinamento ai ceci, sono in assoluto uno dei must intramontabili ma anche aggiungere riso, orzo pelato e semi oleosi per arricchire di gusto ma anche di nutrimento. Dai libero sfogo alla tua fantasia e cerca gli abbinamenti e il mix adatto ottenendo così il migliore hamburger per te.

5La cottura

Una volta ottenuto il composto per l’hamburger, dividi in sei porzioni (o della grandezza che preferisci, naturalmente. Potrebbero venir fuori anche più piccole polpette). È consigliabile lasciarle riposare anche solo 10 minuti in frigorifero ma se hai fretta non preoccuparti puoi cuocerle benissimo sul momento.

Puoi decidere di cuocere gli hamburger su una padella-bistecchiera già calda da entrambi i lati finché saranno dorati oppure al forno per 10-15 minuti a 180 (anche con il grill, sì) in quanto gli ingredienti non necessitano di ulteriore cottura.

Sullo stesso argomento:
Vellutata di Patate, Zucca e Rosmarino con Gamberoni glassati al miele e spezie

6Vuoi osare di più?

Adopera il panino che preferisci prediligendo sempre (sì, lo so, sono antipatica!) un prodotto meno raffinato possibile. È un hamburger che si può comporre semplicemente con qualche foglia di lattuga, pomodoro, maionese e senape nel più classico dei cliché. Se vuoi osare però in poco tempo puoi prepararti una “maionese” vegan in trenta secondi. Come? Taglia a pezzi un avocado, cospargilo di succo di lime o limone. Aggiungi anche la scorza se ti piace un sapore ancora più deciso. Un pizzico di wasabi e via. Alcuni preferiscono aggiungere anche l’aglio e le zucchine crude ma anche qui: libero sfogo alla fantasia!

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

12 COMMENTI

  1. burger di ceci. ne avrei molto bisogno. ma avrei molto più bisogno di mangiarli insieme a te u_u

    (ama sempre, moltissimo. ecco.)

    • Ceci, scorza di limone e otto chili di dressing di yogurtdisoiasenape.
      E ci infilo pure i semi di chia.
      Che problema ho con i semi di chia?
      (ma noi ci amiamo ovunque. Il mondo deve saperlo)

      :*

      • vero. vado a riscrivertelo nel blog di là sotto la videoricetta nuova per RunLovers
        e nel frattempo mi verso semi di chia in gola? ma sì.
        (ho fatto semidichialattedicocco e buttati in frigo per una notte. e sono diventata pazza perché è diventata una specie di panna cotta. il mio cervello l’ha identificata così. probabilmente perché lo confondo in continuazione con cibo alieno. ma va bene così. esulto. *____ * )

  2. Ricetta fantastica….ma un suggerimento per la conservazione? Si possono congelare questi hamburger meravigliosi, per prepararne una carrellata e poi mangiarne uno alla volta? Magari dopo una leggera cottura? Qualcuno ha provato?

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.