3 consigli dal mitico Nick Symmonds

Tempo di lettura: < 1 minutoChe noi lo amiamo follemente non è un mistero: è un olimpionico argento a Londra 2012 ed è un atleta estremamente ironico, divertente e molto umano. Inoltre ha cercato di stabilire il record del mondo sul Beer Mile, quindi per noi Nick ha già vinto tutto quello che poteva vincere. È quindi con piacere che condividiamo 3 consigli che ha dato. Perché lui è lo zio che dispensa consigli ed è meglio che tu stia ad ascoltarli, perché Nick è il tipo di zio che spacca.

1. La crema sale sempre in superficie

Così gli disse il suo coach Kelly Sullivan alle qualificazioni per le Olimpiadi nel 2008: Nick era particolarmente nervoso e l’allenatore gli spiegò che le competizioni importanti avevano questa caratteristica: facevano emergere gli atleti più forti mentalmente e fisicamente. E lui faceva sicuramente parte della crema.

2. Si tratta solo di correre

Questo gliel’ha detto invece Sam Lapray, coach e suo grande amico: alla fine si tratta solo di correre. Non si tratta della tua famiglia, della cura del cancro, di realizzare la pace nel mondo: si tratta di correre in tondo. Sii umile nella vittoria e nella sconfitta.

3. Che tu arrivi primo o ultimo, complimentati con i tuoi avversari

Questo gliel’ha insegnato invece sua madre Andrea: alla fine di ogni gara fai sempre i complimenti ai tuoi avversari e stringigli la mano.
Una cosa apparentemente da niente, ma che ha reso Nick uno dei più amati atleti del mondo.

(tratto da Spikes from Iaaf, photo credits Lapel 1865)

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.