Mizuno Wave Hitogami, le scarpe delle divinità umane

Tempo di lettura: 3 minutiÈ poco serio fare una recensione di un prodotto non parlando di mescole, aspetti tecnici, drop, mesh ecc.? Chissenefrega, questo è RunLovers.
Mentre pensavo a cosa potevo dire di queste Mizuno Hitogami avevo in testa un solo pensiero dominante, un ritornello: “Mi piacciono, ci corro forte, quando andiamo a correre? Andiamo a correre? Dai”.

Amicizia a prima vista

Si può parlare delle Hitogami anche a memoria: per la sensazione (stupenda) che ti lasciano mentre ci corri. E soprattutto per il ricordo che ne conservi: quella morbida calzata, quella stupefacente leggerezza (190 g!), quella gentilezza nell’avvolgere il piede senza costringerlo. Sono scarpe catalogabili come A2: per runner di corporatura medio-leggera, con poca ammortizzazione, molto veloci (e che richiedono muscoli scattanti quindi). Oppure per runner un po’ più pesanti ma con un piede allenato e resistente. Ciò che voglio dire è che, sulla carta, non sono scarpe gentili: sono (dovrebbero essere) secche e iper-reattive. E lo sono, ma senza trascurare la comodità, il che non guasta, oh no.

Solo per divinità umane

79375

Già, non stiamo bestemmiando: “Hitogami” significa proprio “divinità umane”. Non che un paio di scarpe ti renda una divinità, ma magari può aiutarti a correre bene, a correre meglio, a correre come dovresti fare.
Ho scoperto che Hitogami ha questo significato solo dopo. Non che il correrci mi ci facesse sentire una divinità (non ho ancora questi deliri di onnipotenza) ma quanto bene mi faceva e fa sentire? Molto. Mi hanno creato dipendenza. Perché le Hitogami sono davvero come quando conosci una persona e ci parli come se l’avessi sempre conosciuta. Affinità, credo si tratti proprio di affinità. Trovarsi bene, nel proprio elemento. Scoprire con piacere una confidenza totale fin dal primo passo, fino a dimenticare che stai correndo con delle scarpe mai provate, come se corressi con le tue vecchie e rodate scarpe con cui hai già fatto centinaia di km.

La scarpa giusta

A chi è destinata la Hitogami? Innanzitutto al runner leggero, veloce e neutro: come detto, si tratta di una A2, quindi una scarpa poco ammortizzata e reattiva. Il runner più pesante dovrebbe scegliere una scarpa più ammortizzata e strutturata. La Hitogami è infatti estremamente leggera e (volutamente) povera di contrafforti, supporti, diavolerie applicate alla tomaia. Anzi, non ne ha nessuna. È come l’abitacolo di una F1: solo ciò che serve e, esternamente, molti colori e grafica per denotare la sua aggressività. Ma per il resto è il prodotto di una ricerca di essenzialità quasi esasperata: la parte più rigida della tomaia è la conchiglia che posteriormente blocca il tallone ed evita che esca in fase di propulsione. Per il resto niente: un abitacolo nemmeno spoglio: essenziale. Ogni cosa a suo posto.
Il runner veloce la amerà, quello più tranquillo ma ben allenato e con un piede forte ci potrà correre di avampiede e godere della sua piacevolissima ammortizzazione, ben distribuita lungo tutta la pianta grazie all’intersuola in U4ic (l’acronimo di “Euphoric”, come il sentimento associato alla vittoria) e al collaudato sistema di ammortizzazione e distribuzione del peso Wave sul tallone. Poche parole al riguardo: U4ic è l’ennesimo brevetto con un nome strano per differenziarsi dalla concorrenza? Non si sa, però funziona: l’intersuola in U4ic è davvero molto piacevole eppure molto reattiva. Funziona? Sì.
Essere divinità umane non è mai stato così bello.

Mizuno Hitogami_02

Mizuno Hitogami_03

 

 

 

Avatar
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Altri articoli come questo

8 cose a cui badare quando compri le scarpe

Ogni piede ha la sua scarpa e le scarpe si scelgono con i piedi ma è anche vero che in negozio è difficile capire come saranno fra 50 km. Però alcune cose le puoi capire anche da fermo

New Balance 1080 v10: evoluzione e rivoluzione

Tanta nuova tecnologia nella nuova versione delle New Balance 1080. Le abbiamo provate ed ecco come vanno, tra nuova tomaia e nuova ammortizzazione.

Le scarpe più amate del 2019

Il 2019 non è stato affatto parco in termini di novità. Non ci sono state rivoluzioni o meglio: quelle del passato sono arrivate a maturazione e hanno permesso di abbattere record imbattuti da decenni

1 COMMENT

  1. salve sono un runner di medio perso e’ sinceramente cerco una scarpa piu’ reattiva e nello stesso tempo che mi renda piu’ veloce,inoltre volevo sapere se per un runner che corre circa 70/80 km settimanali e’ anche una scarpa idonea per preservare talloni piedi e articolazioni varie?grazie per una vostra sincera risposta e buon lavoro.distinti saluti Vincenzo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.