Come nasce una scarpa Nike

Articoli correlati

Le gare virtuali sono il futuro, almeno quello più immediato

Prima di inorridire all’idea di una gara virtuale prova a pensare che ha anche i suoi punti forti

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Pronti a ripartire?

Dopo lo stop forzato si riprendere a correre. Sei pronto? Come sarà la tua forma fisica? La tua prima corsa non sarà come le altre e la cosa più importante è viverla bene mentalmente, soprattutto

Nuovi inizi

Si ricomincia con nuovi stimoli, nuovi obiettivi, un sito tutto nuovo e la Forza, che sarà sempre con noi!
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiUna scarpa da running nasce dall’atleta per l’atleta. Una formula apparentemente molto semplice che condensa il credo di Nike riguardo al running: prima viene la performance dell’atleta, poi la forma. Dalla funzione nasce la forma. E sui campi di atletica e dall’esperienza degli atleti e dal dialogo di Nike con loro nasce una scarpa. E ai campi di atletica, dove tutto è iniziato, tutto torna: su quelle piste le scarpe vengono provate, fatte correre, consumate. Prendi una pista non qualunque: prendi quella del Lee Valley Athletics Center di Londra. Mettici a correre i migliori atleti inglesi e ascolta quello che ti dicono.

20140616_NikeZoom_0091_n
Hannah England

Per esempio

Nike Pegasus è una delle Nike più amate e apprezzate. È giunta alla sua 31esima reincarnazione. Come si reinventa un classico? Chiedendo agli atleti come la vorrebbero. Cosa immaginano dovrebbe essere capace di fargli fare: ancora una volta si parte dall’atleta e si torna a lui, o ai suoi piedi. Più velocità, più responsività, più naturalezza nella falcata. Torni in laboratorio, studi e produci un prototipo. Glielo fai provare, per esempio a Mo Farah. E lui ci fa migliaia di chilometri e come un collaudatore ti dice cosa va e cosa non va.

1600x600q80
Mo Farah testa le Pegasus Air Zoom 31

Prova ed errore: provi, produci, cambi, provi di nuovo

Sembra facile, ma per riuscire ad ottenere un risultato soddisfacente ci vogliono 21 mesi, come ci ha detto Seb Tesche, Product Line Manager di Nike all’evento organizzato per il lancio di Pegasus Air Zoom 31 a Londra. 21 mesi di studio per soddisfare le richieste prestazionali degli atleti che con quelle scarpe ci correranno una maratona. O magari si alleneranno. Con la convinzione che il miglior prodotto per l’atleta è anche il migliore per il consumatore, per il runner che lo fa per passione, come te.

Seb Tesche, Product Line Manager Nike
Seb Tesche, Product Line Manager Nike

E spesso dalla funzione discende la forma: come è successo per la tecnologia Flyknit, ormai adottata in molti modelli Nike: dall’esigenza di avere una tomaia ultraleggera e seamless (senza cuciture) è nata una nuova tecnologia che, fortuna del caso, è risultata anche molto bella. “Una scarpa tecnica non deve per forza essere brutta per funzionare, no? Che male c’è se è pure bella?” dice Seb.

Pensare avanti

Se ci mettono 21 mesi a progettare, realizzare e commercializzare una scarpa saranno già al lavoro per la Pegasus 32, no? Sì. A domanda diretta Seb anticipa le novità della 32, che riguarderanno degli aggiornamenti della suola e della tomaia. Praticamente una versione S, come l’iPhone 4S o 5S.

20140616_NikeZoom_0547

Per gli atleti, per tutti.

Se hai un corpo sei un atleta, dice il motto di Nike. Lo strumento che ti permette di esprimere la tua atleticità è lo stesso, che tu sia un olimpionico o un amatore. Una scarpa, l’abbigliamento giusto. La motivazione e la determinazione a muoverti. La determinazione ti determina. E ti definisce. Corri atleta, corri.

(Photo Credits: Nike)

 

 

- Advertisement -

Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.