Apple Watch

Articoli correlati

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Si farà la maratona di New York?

Il sindaco Bill de Blasio, comprensibilmente, dà risposte evasive

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 4 minutiSe non vivi sulla luna o in una caverna avrai saputo che ieri Apple ha presentato il suo primo orologio: l’Apple Watch (i nomi semplici funzionano sempre).
D’accordo, le tue run le misuri in km percorsi e in quanto tempo ci metti a farli, quindi perché dovrebbe interessarti l’Apple Watch?

La forma e la sostanza

La forma è quella di un orologio. Si indossa al polso e fa quello che normalmente ti aspetti un orologio faccia: ti dice l’ora e la data.
La sostanza è un po’ più complessa e a te, runner che ci tiene a stare in forma e a conoscere il proprio corpo interesserà per questo: grazie a due sensori ottici posti sotto un vetro allo zaffiro sulla cassa, Apple Watch legge il tuo battito cardiaco. Poi si consulta con l’accelerometro che ha al suo interno e ti dice se ti stai muovendo abbastanza e quanto ti stai muovendo. Lo può vedere rappresentato in maniera molto intuitiva sul display:

Apple Watch Act

In un solo colpo d’occhio puoi vedere quanto stai fermo, quanto ti sei mosso e quanto ti sei allenato. E per “muoversi” Apple intende qualsiasi attività fisica, anche fare le scale o andare a fare la spesa in bici. Sempre di movimento si tratta, no? Completa tutti i cerchi e hai raggiunto il tuo obiettivo giornaliero. Bravo! (Apple sa un paio di cose su come rendere intuitivo il design).

Tutti questi dati vengono registrati da Apple Watch e inviati al tuo iPhone per permetterti di visualizzare meglio i tuoi progressi (o regressi): potrai impostare nuovi obiettivi o il tuo Apple Watch te ne suggerirà di nuovi, ogni settimana, spronandoti ad alzarti frequentemente dalla scrivania e a muoverti (anche quando ti alzi e cammini un po’ lui se ne accorge – e se stai parlando al telefono fallo camminando!). Potrai dirgli che ti stai allenando: lui capirà comunque che tipo di allenamento stai facendo e come (a piedi, in bici, fitness).

Apple Watch Act_01

Il tuo nuovo amico

Da sempre Jony Ive – la mente dietro il design di ogni prodotto Apple da qualche decennio – è attento al senso del design, ossia a come un prodotto è percepito da chi lo usa. Al suo feeling. Ogni prodotto Apple è un’esperienza tattile e sensoriale. Apple Watch ha diverse “subtleties” (come le definirebbero gli inglesi): sottigliezze che rendono l’uso di un oggetto Apple qualcosa di unico. Le notifiche, per esempio, di  una nuova mail o di una chiamata (ovviamente le telefonate ti vengono notificate) o di un messaggio ti vengono comunicate con una vibrazione al polso, una delicata richiesta di attenzione. Ma puoi usare anche questo sistema per inviare a qualcuno (sì, quel “qualcuno”) un messaggio molto speciale: il battito del tuo cuore. Il tuo Watch lo usi con la ghiera digitale laterale (analoga al tasto Home del tuo iPhone ma che funziona soprattutto per zoomare e per evitare quindi di coprire con le dita un diplay già piccolo) o con il touch screen, qui in una forma evoluta: dietro un cristallo di zaffiro con i bordi stondati c’è infatti uno schermo sensibile che percepisce sia il tocco (per esempio per mettere in pausa una canzone – ovvio, puoi anche ascoltarci la musica del tuo iPhone) che la pressione con cui lo eserciti, richiamando funzioni diverse.

Un micro iPhone

Come l’ha definito il CEO stesso di Apple Tim Cook, l’Apple Watch è un iPhone in miniatura: se già lo usi non ti troverai disorientato e soprattutto ci troverai tutto ciò che sei abituato a trovare sul tuo iPhone, ma direttamente sul tuo polso: mail, agenda, app per il fitness e la corsa, cronografo, sveglia, mappe, sms, foto, meteo, ovviamente Siri e i comandi vocali. E altro. E ancora altro. L’ecosistema Apple. Tutto ciò a cui sei abituato da anni ormai. Apple vuole sempre farti sentire a casa, con tutto sotto controllo.

Ad ognuno il suo Apple Watch

Non ricordo nessun altro prodotto Apple per il quale siano state previste così tante possibili personalizzazioni. Apple Watch nasce innanzitutto in 3 versioni diverse: Apple Watch, Apple Watch Sport ed Apple Edition. Il primo con cassa in acciaio cromato, il secondo in alluminio anodizzato (quella che ci piace di più e anche quella più adatta a noi runner) e l’ultima placcata in oro. Inoltre i cinturini possono essere sostituiti con un semplice meccanismo di sblocco che non richiede nessuno strumento.

Apple Watch 02

Andiamo sul personale

Jony Ive parla della sua ultima creazione dicendo testualmente “Il nostro impegno è quello di rendere la tecnologia soprattutto personale”. Se pensi al tuo iPhone puoi trovarlo comodo, con una batteria che non dura mai abbastanza, indispensabile, bello e perfino brutto. Ma è difficile ricordarti com’era la tua vita prima che esistesse l’iPhone. È entrato talmente tanto nella tua quotidianità che non puoi più farne a meno. È diventato davvero personale.
Il fatto che Apple Watch sia fondamentalmente un gear – cioè debba essere associato comunque al tuo iPhone (non solo per le notifiche ma per molte sue funzioni come quelle legate al fitness, per le quali sfrutta il GPS e l’accelerometro) lo rende a mio avviso un po’ meno personale. Crea una dipendenza da un’altra cosa che porti sempre con te, ma che duplica molte funzioni già presenti su Apple Watch e viceversa. 

Chi avrà ragione lo dirà il tempo e il mercato. Il fatto che tu possa parlare al tuo orologio fa molto Supercar, ma posso già farlo col mio iPhone e continuo a sentirmi stupido e a non farlo. Mi sentirei ancora più stupido a farlo parlando al mio polso. Ma forse sono io. Forse Apple Watch diventerà davvero qualcosa di intuitivo e personale, così personale che, come con il tuo iPhone, ti chiederai “Ma prima come facevo senza?”.

Altri articoli

3 COMMENTS

  1. Strumento pressoché inutile per chi pratica sport ad un certo livello (già solo un buon amatore)
    1) ti devi portare dietro il telefono per avere un tracking decente
    2) mi sa molto di fuffa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.

Quando sei andato fuorisoglia?

Andare fuorisoglia significa uscire dalla tua zona comfort. In questa puntata raccontiamo quando ci è capitato e ti chiediamo di raccontarci quando è successo a te

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.