Adidas Energy Boost 2 – L’anteprima

Tempo di lettura: 3 minutiÈ passato un anno da quando Adidas ha introdotto nel mercato della scarpa da running la sua rivoluzionaria tecnologia Boost: un’intersuola iperammortizzata e super-reattiva formata da centinaia di capsule create in collaborazione con BASF. La promessa (mantenuta) era quella di rispondere al bisogno del runner di avere una scarpa comoda, avvolgente ma anche reattiva. Boost soddisfa questi requisiti: è morbida ma incredibilmente reattiva: non solo veloce ma capace di immagazzinare energia cinetica da fare letteralmente esplodere al rilascio, dando più spinta al runner. E quindi più velocità e più godimento.

Aggiornamento del sistema in corso…

Se guardi la Energy Boost 2 non noti subito le differenze. Non è una scarpa molto diversa dalla prima edizione. Come accade per le app del tuo smartphone non cambia l’interfaccia: si potrebbe anzi dire che Adidas abbia ascoltato le osservazioni dei suoi clienti e abbia sistemato alcuni (inevitabili, trattandosi di una prima “release”) bug del prodotto: alcuni infatti, specie i runner con più spinta, hanno manifestato una perdita della capacità di contenimento della tomaia nella zona dell’allacciatura e della punta. Insomma: la piacevole calzata assicurata dalla mesh elastica in alcuni casi perdeva efficacia.

320089

Nella 2 la gabbia che contiene il mesopiede è più solida e solidale con i lacci e le termosaldature dell’avanpiede più estese e definite.

Le colorazioni sono molte (e molto belle): 6 per l’uomo e 5 per la donna (compresa una di Stella McCartney) : tono su tono e toni ben scelti e molto piacevoli. Sobri, pur non rinunciando ad un certo carattere.

Le Adidas Energy Boost 2 sono in vendita al prezzo di 150 euro.

320071 320067 320070 320069 320068 320074 320073 320079 320078 320086 320085 320081 320082 320092

 

Avatar
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Altri articoli come questo

Norme anti-Covid: il dilemma delle mascherine

C'è un po' di caos sull'uso della mascherina mentre si corre. Stando a quanto precisato dal prefetto Bruno Frattasi, a oggi non è obbligatoria

Norme anti-Covid: torna l’obbligo della mascherina all’aperto, ma non per chi corre

Approvate oggi le nuove norme anti-Covid che impongono di portare con noi la mascherina anche all'aperto e indossarla qualora siamo in prossimità di altre persone. Dall'obbligo è però escluso chi pratica sport all'aperto. La cosa più importante è essere sempre cauti e usare il buon senso.

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.