Verso Rimini Challenge

Articoli correlati

Ironman Florida 2013: l’atto finale (2/2)

Mesi e mesi di preparazione e poi: l'atto finale. L'Ironman Florida. Questo è il racconto di una gara all'ultimo respiro (parte 2/2).

Ironman Florida 2013: l’atto finale (1/2)

Mesi e mesi di preparazione e poi: l'atto finale. L'Ironman Florida. Questo è il racconto di una gara all'ultimo respiro (parte 1/2).

L’arrivo e la nuova partenza

La preparazione di un Ironman non è solamente un fatto fisico o mentale. È un percorso complicato che per il nostro Matteo arriva a compimento oggi e non conta il risultato finale perché il percorso di preparazione è stato un'esperienza straordinaria. Eccola.

Ciclista per caso

Cosa succede quando un triatleta prova a farsi accettare nel gruppo dei ciclisti con il coltello tra i denti?
Matteo Torre
Matteo Torre (detto Tower): Matteo è una creatura poliedrica come neanche le lame miracle blade. Nuota, pedala e corre come Bud Spencer, Luigi Malabrocca e Linus di Radio DeeJay. In seguito ad un incidente con il tapis roulant ha battuto la testa e si è persuaso di essere un uomo di ferro. Per dimostrarlo a se stesso, prima che a tutti gli altri, anziché provare a volare con l'ausilio di razzi propulsori e a sconfiggere i cattivi ha deciso di iscriversi ad un IronMan. Che è impresa molto più difficile, oltre che per niente aggratis! Ma lui ce la farà e noi godremo dei ricavati del suo successo scroccandogli il pass per la festa di fine gara.

Tempo di lettura: 3 minutiDopo il 70.3 di Volano speravo di poter tornare finalmente a pieno regime con gli allenamenti e invece non è andata proprio così. Al termine della gara non ho avuto problemi alla caviglia destra (guarita quindi complessivamente dalla tendinite in cinque settimane) ma me ne sono spuntati a quella sinistra. Probabilmente offesa dall’eccessiva attenzione data alla sorella la stronzetta, si fa sentire soprattutto dopo ripetute particolarmente impegnative sia in bici che a piedi.

Devo dosare con cura carico e scarico quando pianifico doppi (allenamento mattino – sera nella stessa giornata) e combinati ( sequenze bici – corsa senza soluzione di continuità). Mi sto abituando a non spremermi sempre completamente, e lo terrò ben a mente il 2 novembre quando dopo più o meno 8 ore di gara già alle spalle e una maratona da affrontare conteranno solo la testa e la capacità di gestire le energie in modo intelligente. Non è solo un trucchetto per evitare di deprimersi per un piccolo infortunio, il nocciolo della questione sta tutto nel capire che la parte più difficile nella preparazione di un Ironman è la resistenza mentale, non tanto quella fisica né tanto meno la pure prestazione muscolare. Vale per l’IM come per un diecimila, secondo me.

Il combinato: croce e delizia dell’allenamento triathlon

Nonostante gli acciacchi sono comunque entrato in modalità “carico pesante”: la routine prevede 6 allenamenti a settimana con un paio di sessioni di nuoto mai inferiori ai 3k, due o anche tre uscite a settimana in bici (progressioni in pianura, ripetute in salita e lunghissimi), una o due corse (variazioni di ritmo dai 15 ai 20 k per volta, a velocità comprese tra quelle dei cinquemila fino alla mezza maratona) e un combinato lungo.

La particolare attenzione che devo riservare a nuoto e bici (siccome sono scarsissimo), mi risparmia dai tormenti della corsa di cui una al termine del lunghissimo in bicicletta (minimo 3 ore in sella). Mi sento di direi che la transizione bici-corsa è l’aspetto più difficile del triathlon, che necessita tantissima pratica per essere metabolizzata dal corpo costretto a far lavorare quasi in contemporanea muscoli antagonisti.

Scendere dalla bici e iniziare a correre genera nel cervello la classica domanda “che cavolo stai facendo Willis?” (ve lo ricordate “Il mio amico Arnold”, ecco, proprio con quella faccia lì) e prima di cominciare a deambulare decentemente servono almeno un paio di chilometri. A parte non fermarsi e mandare a quel paese il triathlon, in quel momento è importante tenere bassi i battiti del cuore, altrimenti è ritiro assicurato. Gli allenamenti combinati servono proprio ad insegnare al nostro organismo questo delicato passaggio. Sono impegnativi, richiedono un sacco di tempo e farli per bene è essenziale.

In riviera ma non per vacanza

È proprio come un combinato iperlungo che vedo avvicinarsi l’appuntamento con il mezzo IM di Rimini, tra due settimane, una gara che si preannuncia durissima per via del percorso bici proibitivo. Oltre 1300 metri di dislivello positivo, tre salite principali, molti strappi, un fondo disastroso e soprattutto gli ultimi 5 chilometri lungo mare, quasi sempre contro vento e con i numeri degli stabilimenti balneari a scandire la distanza dal traguardo ogni 50 metri: una tortura. Non ho aspettative se non terminare in condizioni fisiche decenti e senza strascichi nei giorni successivi. O meglio, al momento mi ripeto che sarà così ma già lo so che quando avrò pettorale e chip addosso mi si chiuderà la vena e cercherò semplicemente di dare il massimo. L’istinto è istinto.

Di certo c’è che sarà molto allenante e, cosa più importante, sarà l’occasione per riunire tanti amici e appassionati di questa disciplina che si divertiranno insieme. Se poi ci sarà il sole le pazienti mogli\fidanzate si godranno anche la spiaggia. Bisogna pensare anche all’armonia famigliare.

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...