Traiettorie consigliate per non smarrirsi tra panettoni e parenti

Articoli correlati

Ironman Florida 2013: l’atto finale (2/2)

Mesi e mesi di preparazione e poi: l'atto finale. L'Ironman Florida. Questo è il racconto di una gara all'ultimo respiro (parte 2/2).

Ironman Florida 2013: l’atto finale (1/2)

Mesi e mesi di preparazione e poi: l'atto finale. L'Ironman Florida. Questo è il racconto di una gara all'ultimo respiro (parte 1/2).

L’arrivo e la nuova partenza

La preparazione di un Ironman non è solamente un fatto fisico o mentale. È un percorso complicato che per il nostro Matteo arriva a compimento oggi e non conta il risultato finale perché il percorso di preparazione è stato un'esperienza straordinaria. Eccola.

Ciclista per caso

Cosa succede quando un triatleta prova a farsi accettare nel gruppo dei ciclisti con il coltello tra i denti?
Matteo Torre
Matteo Torre (detto Tower): Matteo è una creatura poliedrica come neanche le lame miracle blade. Nuota, pedala e corre come Bud Spencer, Luigi Malabrocca e Linus di Radio DeeJay. In seguito ad un incidente con il tapis roulant ha battuto la testa e si è persuaso di essere un uomo di ferro. Per dimostrarlo a se stesso, prima che a tutti gli altri, anziché provare a volare con l'ausilio di razzi propulsori e a sconfiggere i cattivi ha deciso di iscriversi ad un IronMan. Che è impresa molto più difficile, oltre che per niente aggratis! Ma lui ce la farà e noi godremo dei ricavati del suo successo scroccandogli il pass per la festa di fine gara.

Tempo di lettura: 3 minutiChe strani sono questi giorni a cavallo tra due giorni, incastrati tra le feste da santificare (che  poi ognuno si sceglie il santo che vuole, a casa nostra abbiamo l’immaginetta di Rita Levi Montalcini accanto a quella di Chrissie Wellington), le feste da socializzare (chissà perché, si può essere sociali e socievoli sempre, volendo) e sottratte alla routine. Due settimane di scarico (tabelle dettagliate qui), fortunatamente per me, in attesa di ricominciare a fare molto sul serio con un test di velocità in acqua (2k nuotati a tutta) e una mezza maratona nella prima settimana del 2013 .

Routine suona meglio di tran tran ma è la stessa cosa, quel succedersi regolare di attività e impegni che scandiscono il ritmo della nostra vita. Per lo più ha una connotazione negativa perché richiama alla mente la noia e la mancanza di stimoli, ma se viene associata a qualcosa che semplicemente amiamo fare diventa la parola più bella del mondo.

E allora i pranzi e le cene pantagrueliche obbligatorie, le giornate di chiusura della piscina e della palestra, le visite parenti irrinunciabili, tutto disegna una specie di percorso a ostacoli entro cui infilare lo schema di vita che ti sei cucito addosso, in cui ti trovi tanto bene, che però improvvisamente si trova ospite in casa propria. È incomprensibile, per chi non la prova sulla propria pelle, la bellezza di uno sport nel quale bisogna ripetere per ore o ore sempre lo stesso gesto. Il principio è lo stesso.

Ci sono due aspetti che mi sballano dell’endurance e quindi anche del modo in cui ci si prepara a praticarlo, come se fossero due prospettive micro e macro di vedere se stessi, con coerenza.

Da una parte l’astrazione, la mente che vaga. C’è chi diventa creativo e iper pensante e chi il più delle volte riesce a fermare le rotelline del cervello. E’ il “corpo che pensa” o il Nirvana, a seconda dei gusti e delle inclinazioni personali. Il bello è anche questo, che pur essendo sempre la stessa cosa assume un senso diverso per ciascuno di noi, la quintessenza della libertà.

Poi però c’è la fisicità, la concretezza più estrema. Rifare per chilometri una bracciata cercando di essere ogni volta più inesistente nei confronti dell’acqua, fendere l’aria sulla bici da cronometro galleggiando sull’asfalto bollente e pedalando più rotondi dell’idea stessa di cerchio, lavorare su ogni millimetro di appoggio del piede angolando le braccia per risparmiare anche una sola misera caloria per chilometro. Tutto ciò non ha nulla a che fare con la metafisica, è anzi tremendamente, quasi volgarmente, una questione di pratica. Che si acquisisce soltanto con la ripetizione infinita dei gesti, alla ricerca della perfezione, che il più delle volte non arriva e che quando viene raggiunta è solo un istante di equilibrio, aggrappato a un fazzoletto di volontà appesa tra il passato da rifare e il futuro da costruire dal nulla.

Lo sport di endurance come la musica blues, nella quale la struttura formale di dodici battute si ripete all’infinito. Dove sofferenza, dolore e rabbia sono il carburante, la necessità di riscatto è la scintilla,  la redenzione dai peccati l’esito e il ritmo solo lo scarto invisibile ma percepibile del processo, come anidride carbonica che esce dai polmoni. Lo schema come salvezza dalle incertezze dell’esistenza, alla disperata ricerca di qualcosa che ci metta in controllo di noi stessi e della realtà che ci circonda. In qualcosa, alla fin fine, bisogna pur credere.

 

I ran into a juke joint when I heard a guitar scream

The notes were turning blue, I was dazing in a dream

As the music played I saw my life turn around

That was the day before love came to town

(When Love Comes to Town – U2 & B.B. King, 1989)

[youtube=http://youtu.be/r3wgoaONzwo]

(©iStockphoto.com/mablavo)

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...