Salomon: good looking performances

Spesso pensare all’abbigliamento da ultratrail (ma anche da running) come a qualcosa di bello da vedere e indossare è un po’ come immaginare che i Sepultura suonino al conclave in Cappella Sistina. Ossimori stilistici abbastanza arditi.

Però – probabilmente – è giusto così: non c’è nulla di sbagliato nel fatto che compressione, comodità, efficienza di un capo tecnico ne sacrifichino un po’ l’aspetto estetico. In fondo, è comprensibile che ricerca e ingegnerizzazione dell’abbigliamento siano estreme per prodotti da usi estremi.

S-Lab Process di Salomon (che vede la collaborazione tra designer, ingegneri e atleti) esce da questi schemi tradizionali e presenta dei prodotti che sono pensati innanzitutto per la performance pura ma hanno anche un design molto gradevole. Ovviamente differenziati tra uomo e donna. Una sorta di ambivalenza e parallelismo tra ricerca e design, prestazioni e good looking.

La giacca S-LAB Light Jacket, ad esempio, pesa 90 grammi, può essere ripiegata in palmo di mano. Garantisce la traspirazione ma protegge da vento e pioggia. In total white con una striscia rossa molto caratterizzante e minimal.

Le t-shirt Exo affiancano rosso, bianco e grigio mentre il pattern del materiale rifrangente diventa caratterizzante. Ma viene anche usato come elemento di compressione e sostegno per una postura corretta.

I pantaloncini (sempre della linea Exo S-Lab) sono su due strati: il primo comprime e sostiene la muscolatura (proteggendo dagli sfregamenti), il secondo copre. Ma nella versione da donna sarebbe più giusto parlare di gonna. Infatti lo strato superiore non è un pantaloncino ma una vera gonnellina. Good looking performances.

LEGGI ANCHE:
L'abbigliamento tecnico è (anche) bello: maglia Nike Tailwind e pantaloncino Phenom Two in One

Chiaramente i prezzi di listino non sono “popolari”: i contenuti tecnici giustificano un posizionamento di “alta gamma”, si parte infatti dai 92 euro della t-shirt ai 152 euro per i pantaloncini.

[nggallery id=149]

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.