Redbull X-Alps: solo per gli X-men

Spostare il limite sempre più in là. Molto più in là.

Una delle gare più estreme che si corrono in Italia è la Tor Des Geants: Val D’Aosta, 330 km, 7 giorni (8-15 settembre) per completarla.
Ma per Redbull si lanciano uomini da 10.000 metri d’altezza. Redbull spinge sempre più in là il limite. Prendi 3 Tor Des Geants e le metti in fila. E adesso corri. Si tratta di una delle gare biennali più estreme al mondo, vinta da Christian Maurer (SVI) in 11 giorni, 4 ore e 22 minuti. La Red Bull X-Alps si correrà a partire dal 7 luglio: partenza Salisburgo (Austria) – arrivo Monaco (Germania). 1031 km.

A piedi e in volo.

Ma non solo l’eccezionale distanza la rende unica al mondo: anche il fatto che chi partecipa ha due possibilità per completare gli almeno 100 km al giorno (CENTO!): a piedi, oppure… in volo. Ebbene sì: alcuni tratti sono percorribili con il parapendio.
Quindi, ricapitolando:  nessuna possibilità di assistenza tecnica o esterna, un’attrezzatura completa ma ridotta all’osso, forza fisica e mentale sovraumane e coraggio da vendere. E ottime gambe.

Il riposo di notte, ma anche no.

Gli atleti dovranno fermarsi dalle 22.30 fino alle 05.00 del mattino successivo. L’edizione 2013 però ha in serbo una sorpresa che promette di rendere la gara ancora più eccitante: ciascun atleta potrà infatti sfruttare un “Night Pass” che gli permetterà di avanzare a piedi per tutta la notte. “Che fai? Non sei stanco?” “Mah, faccio due passi dai. Ho fatto solo 100 km oggi”.

Sullo stesso argomento:
Un viaggio nell'Italia che corre

Save the date.

7 luglio 2013: 32 atleti provenienti da 21 nazioni si troveranno a Salisburgo, in Austria, per dare il via alla sfida più dura della loro vita.
Grazie alla tecnologia GPS, Red Bull Mobile Live Tracking permetterà a fan e supporter di seguire la gara in tempo reale sui propri smartphone, tablet e desktop senza perdere un solo istante della competizione. Informazioni meteo live implementate da wetter.tv, mappe 3D, aggiornamenti in tempo reale e statistiche di gara porteranno l’esperienza degli spettatori ad un nuovo livello, ancora più avvincente.

Join the real X-Men!

 

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.