Questo è il nostro tempo

Vi ritrovate mai a pensare al tempo? Io sì. Sarà perché di tempo a disposizione ne ho gran poco. E perché mai? Tutti hanno a disposizione le stesse, banali 24 ore. È come giocare a Tetris. Se incastri bene i mattoncini, il gioco continua, altrimenti…Game over!!

Oggi ho avuto uno di quei momenti “catartici” in cui mi sono soffermata su quanti significati abbia questo termine.

Il tempo cronometrico. Qualsiasi runner che si pseudo-definisca tale, prima o poi cade nella tremenda rete del PB, quel maledetto muro che si vuole abbattere, con tutte le proprie forze. Arriveresti a fare carte false pur di barattare un PB, ma la corsa è onesta al 100%, non la puoi fregare, e restituisce un tempo che è il risultato del sudore versato, della fatica e della costanza.

Il tempo atmosferico. Ahinoi, di questi tempi è un tasto dolente. A volte può arrivare a condizionare i nostri allenamenti. Ma fino ad un certo punto. Perché noi non lo temiamo, lo sfidiamo, no?!?? :)

Il tempo libero. Carissimo, agognato, tempo libero. La vita frenetica ci porta ad avere sempre meno tempo libero. Ma noi siamo donne, e queste sfide ci fanno un baffo. Il tempo libero non solo lo troviamo. Lo riempiamo pure con quello che ci piace fare. Ad esempio, mmm… fatemi pensare…. Correre!

Infine, last, but not less important…

Il tempo che ci separa dalla We Own the Night.

Ormai ci siamo, manca poco più di una settimana, e il countdown è quasi entrato nella red-zone.
La trepidazione è nell’aria, la leggo nei post delle ragazze. E l’entusiasmo è alle stelle. Nonostante i diversi gradi di allenamento saremo tutte emozionatissime e pronte a sfrecciare tra le vie di una Milano che avrà un altro volto che nessuno conosce.
La cosa importante è che finalmente ci incontreremo e saremo tutte assieme alla start-line!

A proposito di tempo. Per ciò che mi riguarda, ultimamente a causa di impegni lavorativi, trasloco e dintorni, mi sto allenando meno di quanto vorrei.
Proprio per questi motivi, in questi giorni ho iniziato ad allenarmi all’alba. Dopo il trauma iniziale, posso affermare con certezza assoluta, che i benefici sono numerosi! (Ludovica sono convinta che potrai confermare!). Oltre a correre esenti dal traffico della giornata, si riescono a cogliere sfumature e colori impensabili. Inoltre, cosa per me fondamentale, attorno a te solo il silenzio e il ritmo dei tuoi passi. Per non parlare del post-corsa. Inizi la giornata con una marcia in più. E tutto questo grazie ad una semplice corsa? Lascio a voi scoprire gli altri effetti collaterali.

Da oggi in poi, se qualcuno ancora mi verrà a dire “non ho tempo per correre”, la mia risposta sarà: “corri all’alba, non sai cosa ti perdi”.

Ciao Ragazze….dai che manca pochissimo!!!!!!

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.