Mizuno Wave Rider 16, il bignami della tecnologia

Quando le indossi è come salire su un’Aston Martin. Almeno per come lo immagino io, dato che non sono mai salito su una Aston Martin. Insomma, infili i piedi in un pezzo di storia del running, te ne hanno parlato tutti e finalmente le provi.

Sai già che sono comode (molto), reattive (altrettanto), traspiranti. Ma vuoi capire appieno come mai tutti ne parlino.

Viste da fuori, provate da dentro

L’estetica è giapponese: niente fronzoli, solo l’essenzialità di ciò che serve per sostenere il piede e farlo respirare. L’unico vezzo è il logo “Rider” che, visto da lontano, sembra un ideogramma e dà quella sensazione di “sarò veloce come la lama di un samurai”. Le colorazioni sono molto particolari, possono piacere (oppure no), ma quando ho saputo che sono ispirate alle immagini termografiche ho detto “ok, andiamo di arancio-bollente!”: se dobbiamo farci notare, facciamolo fino in fondo.

Infili il piede dentro e la sensazione è di déjà-vu: non hai bisogno di adattarti, la allacci e parti come se ci avessi già corso 200 km. Sono ben traspiranti e non hanno punti di frizione. Insomma, fanno il loro lavoro: sono confortevoli. Attenzione però, provatele prima di acquistarle, perché la calzata è comoda. Ma tutte le scarpe vanno provate prima di acquistarle, questo già lo sai, no?!

Le Rider 16 hanno un ottimo supporto plantare, danno stabilità al tallone e sostegno a tutto il piede in generale cioè: c’è tutta la tecnologia Mizuno condensata dentro, un bignami appunto. Ma la vera sorpresa viene dopo.

Accendi il motore e corri

Ho provato le Rider 16 per circa un mese e, sì, sono veloci, reattive e ben ammortizzate ma hanno un’altra caratteristica: ci puoi correre ovunque. Le ho provate in pista d’atletica, su asfalto e su sterrati leggeri e sono sempre loro, in qualunque condizione. Non ti fanno rimpiangere una scarpa più leggera per i lavori veloci o una più “corazzata” quando vai offroad. Quindi non sono un’Aston Martin, assomigliano più a un Trasformer che può essere berlina comoda, fuoristrada inarrestabile o una macchina da corsa. Avrei voluto un drop più ridotto (qui siamo su misure tradizionali) ma forse non sarebbero più state loro: una tradizione per tutti i runner.

In conclusione

Se cerchi una scarpa adatta a qualunque utilizzo, la Rider 16 potrebbe davvero fare al caso tuo. Tutti i suoi contenuti tecnologici non sono fatti per dire “Ehi, guarda che bella che sono!” ma per farti andare più veloce, in totale comfort, tutto qui. Semplicemente.

Pro
  • Veloci
  • Reattive
  • Protettive
  • Ampio range di utilizzo
Contro
  • Calzata “comoda”

[nggallery id=183]

Altri articoli come questo

1 COMMENT

  1. ragazzi per favore, cercando modelli di scarpe da runner, mi sono imbattuto, un giorno, nel sito di un negozio che con un costo aggiuntivo di 5€, permetteva il pagamento tramite carta di credito dividendo la spesa con tre prelievi, uno al momento dell’orine e due nei successivi mesi…. purtroppo non ho salvato nei preferiti, e come spesso accade in questi casi, non sono + capitato su quel sito….qualcuno sarebbe così gentile, se lo sa , saprebbe indicarmi il sito?

    grazie ciao a tutti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.