Mauna Kea e il compagno di viaggio inatteso

Articoli correlati

Quando l’obiettivo di correre forte incontra i 30 anni

La passione e il rapporto "d'amore" con la corsa ti fanno andare oltre i tuoi limiti. Ecco cosa significa essere velocisti a trent'anni.

I motivi per assumere un runner

Un bel contributo di Giulia Panna che, oltre a essere una runner, si occupa di risorse umane. È una bella riflessione - scritta in linguaggio "tecnico" - sulle caratteristiche che hanno molti runner e che sono utili nel lavoro e nella vita.

Il ritiro in gara. Guida – semiseria – per accettazione e superamento

Può succedere di ritirarsi durante una gara e non è un gran problema. Capita a tutti, anche a Sara che però, in questo caso, ci scrive la sua guadi per superare l'evento.

Come un giorno ho cominciato a respirare, correndo

L'asma può impedirti di correre? Per lei non è stato così.

Tempo di lettura: 2 minutiIl 17 agosto 2013 ero alle Hawaii. Figo, direte voi, la spiaggia, le palme, i surfisti. NO. Cioè sì, ma non quel giorno. Quel giorno avevo deciso di raggiungere la vetta del Mauna Kea, 4205 m di vulcano che mi avrebbero fatto presto rimpiangere i surfisti a livello dell’oceano.

La partenza è a circa 2800 m, al Visitor Centre Information Station, dove il classico ranger da film mi spaventa per bene marcando il concetto di solitudine durante la salita e la disidratazione e insomma mi sembrava che il rischio di morte fosse quasi certo. Bene. Si parte. Dopo la prima mezz’ora di dislivello già notevole il mio compagno di viaggio si palesa: lui, il mal di testa. Ma io penso che sia la fame, perché quando si parte presto al mattino per i trekking io sto molto leggera, e quindi passerà dopo la prima sosta. Sbagliato; ma io sono nata in Emilia, nella pianura padana, che ne posso sapere del mal di montagna? Continuo a camminare, il paesaggio rapisce: sempre più lunare a ogni passo; sempre meno vegetazione a ogni passo ed emicrania sempre più forte a ogni passo. Dopo due ore, circa a metà strada, quando sarebbe anche più facile camminare nell’unico sentiero delimitato dalle pile di massi fra i massi, succede una cosa che non credo mi sia mai successa, se non nei primi anni di vita: piango dal dolore e mi scendono le lacrime. Il mio compagno di viaggio, quello vero, non il mal di testa, mi chiede se voglio tornare indietro: è facile, c’è una bella strada asfaltata verso est ed è un attimo scendere. Ma a 3/4 del percorso, come si fa a tornare indietro? Manca un po’ l’ossigeno e ad ogni passo sento che il cervello potrebbe esplodermi. Non mollo. Credo anche di avere detto: “magari con questa pressione mi si aggiusta pure la testa. LOL”.

Passo dopo passo, pulsazione dopo pulsazione, la vetta, che in agosto non è innevata, è lì. Sorrido, ma scordatevi un finale da momenti di gloria. Sì, sono sopra alle nuvole e sì mi sembra di toccare il cielo (non per niente lì c’è una quantità di osservatori astronomici impressionante).
Bisogna ridiscendere e fa freddo, credo circa 10°C; facciamo l’autostop e Spencer, che lavora come contractor per la NASA, ci da un passaggio fino alla base. Nel frattempo io spero ancora che qualcuno mi decapiti per farmi stare meglio. E finalmente, al livello del mare, il mal di testa mi abbandona per impossessarsi, forse, di qualche altra emiliana sul Mauna Kea.

Morale della favola: 1400 m di dislivello in 5 ore possono essere estenuanti, ma mai come una donna che si intestardisce di arrivare alla meta.

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Topo Athletic Ultrafly 3, e corri sui binari

Le Topo Ultrafly 3 hanno qualcosa che non tutte le scarpe da running hanno: l'equilibrio

La prova del Miglio Magico

C'è un metodo semplice per capire esattamente quale sarà la tua andatura in gara. Per conoscerlo devi correre il Magico Miglio, ma non è niente di mistico!

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.