La collezione Nike x Undercover Gyakusou Holiday 2013

Tempo di lettura: 4 minuti

Una cosa che ci piace dell’arrivo dell’autunno è che esce la nuova collezione di Jun Takahashi per Nike: la Undercover Gyakusou.

Al contrario, in avanti

Gyakusou, che si traduce letteralmente in “correre al contrario”, è il nome della collezione che Takahashi disegna per Nike e questa è la sesta volta.
Takahashi è un designer giapponese (non l’avresti mai detto dal nome, e invece) ossessionato da due cose: i tessuti e la corsa. Passa molto tempo nel suo studio ma non si sottrae mai ad una bella corsa per le vie e i parchi di Tokyo. La somma di queste due passioni gli ha sempre ispirato ogni  collezione: un modo di vestire pratico ma sportivo, un classico contemporaneo. Le sue collezioni sono inconfondibili per la palette di colori autunnali e raffinati e per il taglio degli abiti, molto giapponese (eh beh) e ricercato, ma sempre senza mai sacrificare niente alla funzionalità.

L’eleganza della funzione

Sembra che ciò che è pratico e sportivo non possa anche essere bello. Spesso l’abbigliamento tecnico sembra il risultato di una elegante equazione: funziona, ha un valore estetico cerebrale ma tradisce un buon esito visivo. Non Undercover Gyakusou che è invece sempre una collezione molto bella e molto pratica.

Cut&Paste

Un’altra storia è quella di Jun che va a Beaverton al quartier generale della Nike e osserva i nuovi tessuti che stanno sperimentando. Rimane affascinato dalla Aeroloft Vest, un leggerissimo smanicato imbottito e microforato al laser in aree specifiche che permette al runner di mantenere calde alcune zone del corpo ma di dissipare allo stesso tempo il calore sviluppato dalla sudorazione. Lo prova, ci corre e lo reintepreta. E come lo reinterpreta.

Sullo stesso argomento:
Zoot Ali'i, una scarpa fuori dal comune

Un capo per ogni attività. E le scarpe in armonia

Jun ha studiato una collezione di capi adatti alle diverse attività e condizioni meteo:  la Softshell Jacket è antivento e antipioggia ed ha  un interno in Dri-Fit Knit per dare calore e il Nike Sphere Dry Brushed Mesh per garantire traspirabilità. La Lightweight Jacket è una giacca leggera, le maglie a manica lunga o corta Dri- FIT Long-Sleeve Top e Dri-FIT Short-Sleeve Top reintepretano un classico tecnico di Nike secondo la sensibilità giapponese. E ovviamente il pantalone lungo e corto rifiniti con bordi tagliati al laser e fit antiscivolo, il cappellino Knit Cap, i guanti Thermal Running e lo scaldacollo. Le scarpe che completano la collezione sono le Lunarglide 5 in tinte abbinate.

La collezione sarà in vendita a partire dal 26 ottobre presso il Nike Stadium Store di Milano, Excelsior Milano e per la prima volta a Roma con il Motel Salieri.

 

WOMENS_FILL_VEST_23596 TIGHTS_23595 MENS_THERMAL_LS_TOP_23601 MENS_THERMAL_JACKET_23599 MENS_AEROLOFT_23600 Lunarspider3_W_GREY_FRONT-63304_hero_v2_23612 Lunarspider_LT3_W_Grey_34-62628_v2_23606 Lunarglide5_W_GREY_PROFILE-62818_hero_23607 Lunarspider3_W_BLUE_PROFILE-62952_hero_23611 Lunarspider_LT3_W_Blue_34-62582hero_23609 Lunarglide5_W_GREY_34-62503_hero_23608 Lunarglide5_W_BRONZE_FRONT-63206_v2_23604 Lunarglide5_W_BRONZE_34-62442_hero_23613 Lunarglide5_RED_34-62358_hero_23603 Lunarglide5_M_RED_FRONT-63125_hero_23602 Lunarglide-5_M_BRONZE_34-62406_23610 Lunarglide5_M_BRONZE_TOP-63488_hero_23605

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.