Dove correre a Parigi

Articoli correlati

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 4 minutiCome ti abbiamo già detto, correre a Parigi è semplicemente unico e magnifico e stupendo. Ora non ci resta che suggerirti dove farlo.
Ti consigliamo pertanto 3 itinerari di lunghezza variabile dai 7 ai 10 km. Il punto di partenza è ovviamente uno qualsiasi lungo il percorso, a seconda della tua sistemazione in città e dove ti è più comodo. Unica raccomandazione di fregartene dei tempi e di goderti una delle città più belle del mondo. OK?

1. Il megabiscotto.

Definito affettuosamente così perché prevede dei lunghi rettilinei con delle inversioni ad U. Parti dall’Arco di Trionfo e punta su Place de la Concorde lungo gli Champs Elysées, devia sul ponte verso al sponda destra della Senna e scendi le scalinate per correre sulla sponda, poi risali all’Île de la Cité, gira a sinistra sul ponte e saluta Notre Dame, riportati sulla sponda opposta, infilati al Louvre, lasciati alle spalle la piramide di vetro, percorri i giardini delle Tuileries verso l’Arco di Trionfo che ti attende là, qualche chilometro oltre, assieme ad una folla esultante per la tua prestazione (non è vero, ma è bello immaginarselo).

Mappa_Etoile_Eiffel_Louvre

2. I parchi.

Parigi è molto verde: ci sono molti parchi stupendi e perfettamente tenuti. I percorsi al loro interno sono così intricati che se il loro perimetro non è magari di molti chilometri, puoi sempre sbizzarrirti a tagliarli in su e in giù, in alto e in basso, accumulando strada e facendolo in compagnia dei moltissimi runner che ci troverai. Fra i molti parchi te ne consigliamo almeno 3 di imprescindibili.

Parc du Luxembourg

Stupendo e splendidamente tenuto, il Parc du Luxembourg ha un perimetro di circa 2,5 km ma moltissimi percorsi interni. Il palazzo che vi troverai – aka Palazzo del Lussemburgo – è la sede del Senato francese. Anvedi.

Mappa_Luxem

Bois de Boulogne

Situato ad ovest sul limite del Boulevard Peripherique è il parco più esteso di Parigi. Ha al suo interno molti e diversi “jardin”, uno zoo e un parco giochi piuttosto fornito. Gli scenari che puoi incontrarci sono molti: bosco, prato, lago e anatre e cigni. E svariate varietà di fauna e flora. Data la sua estensione permette dei lunghi piuttosto belli. A differenza del Parc (o Jardin) du Luxembourg –  che è il classico parco all’italiana – il Bois de Boulogne è molto più “selvaggio” e naturale. Ti sembrerà di correre nella campagna francese e invece sarai a pochi chilometri dalla Tour Eiffel.

Mappa_Boulogne

Parc Monceau

Un altro parco all’italiana, molto frequentato dai runner a qualsiasi ora del giorno, ma anche da famiglie e bambini e dagli immancabili vecchietti. Poco distante dall’Arco di Trionfo, se alloggi nelle vicinanze è assolutamente una meta imperdibile.

Mappa_Monceau

3. Rivoli/Opéra/Montmartre/Centre Pompidou/Marais.

Ummamma quanta roba. In effetti questo è il giro più lungo (quasi 12 km) ma il divertimento e il godimento per gli occhi sono assicurati.
Partendo dalla metro di St Paul nel Marais prendi Rue de Rivolì verso ovest fino all’altezza del parco del Palais Royal (dalla parte opposta del Louvre rispetto a Rivoli) ed entraci: facci un giro dentro e osserva gli ordinati filari di alberi e le siepi ben potate. Poi esci e risali per Rue Saint-Honoré: per le runner soprattutto questa è una delle strade più belle e con i negozi di moda più eleganti. Ma non distrarti troppo! Devi proseguire fino a Place de la Madeleine per girare a destra e risalire verso l’Opéra e poi a nord verso Pigalle e poi su per le stradine di Montmartre sino alla Basilica del Sacro Cuore. Qui potrai finalmente prendere una pausa sui gradini e… goderti la vista di Parigi dall’alto! Ma non impigrirti: devi ridiscendere verso Les Halles e poi piegare ad est verso il Centre Pompidou e sfilare dentro il Marais, uno dei più bei quartieri di Parigi. Dove concludere questo bellissimo giro? Ma senz’altro in una delle più intime e belle piazze del Marais: Place de Vosges. Et voilà!

Mappa_Marais

Se hai ancora voglia o tempo puoi fare un giro in un altro stupendo quartiere a sud di Notre Dame e sulla rive droite della Senna: il Quartiere Latino e tutto ciò che prende vita lungo e attorno a boulevard Saint Germain: luogo di eleganti caffè, librerie magnifiche e strade intricate. Andrai piano, osserverai, non farai il tuo personal best, ma starai semplicemente in pace con te stesso e col mondo. Ti pare poco?

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

3 COMMENTS

  1. settimana scorsa ho fatto circa 10km partendo dal Marais (circa Hotel de Ville), rive droite (dove ora c’è Paris Plages, le spiagge) superando place de la concorde, virando sulla rive gauche all’altezza del quai d’orsay e tornando indietro fino a l’ile saint louis. sono appunto circa 10km.

    alcuni appunti: il percorso è molto carino perchè si corre con sfondi come la tour eiffel, il musee d’orsay, il louvre… però va detto che in molti punti ci sono pietre (tipo sampietrini) che non sono proprio il massimo come comfort. inoltre, il tratto iniziale, essendoci le spiagge, era super affollato. infine, se ci si va in orario aperitivo rischia di esserci affollamento anche al quai d’orsay. il resto è quasi deserto.

    • Vero: le superfici su cui si corre sono varie e i “sanpietrini” (come si chiameranno a Parigi? Mah) non offrono di certo il fondo migliore. Per quanto riguarda le spiagge dipende dal periodo dell’anno e dall’ora a cui si corre. Come ogni grande città, è meglio correrci molto presto di mattina, anche per evitare il traffico che, anche a Parigi, è importante.

  2. Io ho corso molte volte lungo la Senna, si è vero a volte le pietre sono sconnesse ma la vista è ripaga di tutto.

    Ho corso anche al Jardin des Plantes e lungo il Canal St. Martin. Una volta mi sono perfino imbucato ad una corsa che passata da Rue de Rivoli.
    La prossima setitmana sarò nuovamente a Parigi e naturalmente mi porto pantaloncini e scarpe

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Le scarpe per migliorare il proprio Personal Best

Ci sono delle scarpe nate per farci andare più veloci e battere il nostro personal best. Ecco la nostra selezione in vista della Deejay Ten!

Gli atleti pro si “allenano” anche in volo

Se vuoi raggiungere il massimo non devi lasciare niente al caso. Tipo prepararti sempre, anche in volo

L’intelligenza di chi corre

Per uscire dalla zona comfort puoi spaccarti di allenamenti oppure essere curioso e leggere libri o ascoltare musica o vedere film. O fare tutto questo, assieme

Brooks Hyperion Elite 2: versione definitiva

Quando, all’inizio di febbraio, Brooks ha presentato la famiglia Hyperion (ne trovi la descrizione qui), già si sentiva nell’aria il fatto che avrebbero presentato...

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Gli effetti dello sport sul tuo cervello

Perché fare sport fa bene al tuo cervello? Perché lo stimola e lo fa "crescere". Ecco come.