Ascolto stupefacente

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli spettatori immobili

In teatro o in una sala da concerto mi ha sempre lasciata davvero perplessa l’immobilità degli spettatori. Sento fluire purissima adrenalina dai corpi dei musicisti/cantanti che si muovono in scena o nella buca dell’orchestra. È questo uno dei motivi per cui amo la musica: perché è l’unione di un’attività astratta – l’interpretazione di una partitura – e del movimento fisico per produrla.

Uscire da un buon concerto è come tornare da correre

L’ho scoperto, un pomeriggio, quando ho conservato e poi ho portato con me a correre quell’ondata di serotonina sperimentata in teatro. Era ilVivace della Sinfonia “la pendola” di Haydn.

Correre con la classica è diventato cool

Una delle radio pubbliche di New York, la WQXR, ha ideato il Beethoven workout mix. Preparatevi ad andare veloce.

Poi Classicfm ha dichiarato Beethoven santo patrono dei runner e ha messo online un’altra playlist: questa.

Vi ho convinto? No? Avete ascoltato Chopin e concluso che è “roba per signorine”? Sbagliato. Basta fare le scelte giuste: la classica, come il pop, il rock, non è tutta uguale. Non vorrete mica correre portandovi dietro un notturno, vero?

Che c’entra la classica con il correre?

Semplice: è perfetta per la corsa media e veloce. Prova anche tu!

P.S.: No offence intended.

Disclaimer per quelli che a questo punto storcono il naso.

Divertitevi!

Dal tempo dei walkman e ancor più da quando esistono i lettori mp3, portiamo con noi molta musica – sempre di più – che ci appartiene e racconta la nostra storia. Non sempre i nostri mix rispettano né la coerenza che il compositore voleva dare alla sua opera né gli scopi per cui è stata scritta. Molti troveranno questi ascolti “finalizzati a uno scopo” (l’allenamento) riduttivi e/o irriverenti.

Il grande storico della musica e giornalista Massimo Mila nel 1956 scrisse in un bel libro, oggi purtroppo esaurito, intitolato L’esperienza musicale e l’estetica, Einaudi: “per quanto si sia combattuto contro questo errore, che fa della musica un semplice titillamento dell’immaginazione, relegandola nella funzione d’una qualsiasi droga stupefacente, come l’hashish o l’oppio, esso risorge sempre nella maniera più pervicace e dove meno uno se l’aspetterebbe.”

Chiedo scusa a Mila e a tutti quelli che la pensano come lui. Il mondo è zeppo di persone che vi insegneranno come si deve, o dovrebbe, ascoltare la musica classica: resta comunque la droga più bella e innocua.

Avatar
Lacriticahttp://benedettasaglietti.com/
Benedetta alias "la critica" osserva, legge e ascolta. Ha il pallino della corsa. Correre è anche una scusa per ascoltare e conoscere nuova musica.

Altri articoli come questo

Oggi ho corso, ancora

Oggi ho corso. No aspetta, ricomincio, non va bene questo inizio. Anche oggi ho corso. Ecco, va un po' meglio. Forse la differenza è davvero una...

A caccia del Record del Mondo sulle strade di Londra

Tra le tantissime cose che sono cambiate nelle nostre vite in questi mesi c’è anche, soprattutto per noi RunLovers, l’impossibilità o quasi di partecipare...

Alberto Venturelli, correre all’indietro per andare avanti

Il terzo racconto per il progetto Brooks #TellUsYourHappyStory è quello di Alberto Venturelli, il "retrorunner". Ma non va letto all'indietro, mi raccomando

Francesco Sanna: la corsa che rivoluziona e diventa vita

La corsa può essere una svolta che rivoluziona la tua vita e quella di chi ti circonda. Come nella storia di Francesco, uno dei racconti selezionati per il progetto Brooks #TellUsYourHappyStory

Sandra Callegarin: forza all’ennesima potenza

Iniziamo a pubblicare i tre racconti selezionati per il progetto Brooks #TellUsYourHappyStory. Per farlo, oggi, ci vestiamo tutti di rosa e rendiamo il mondo sicuramente più bello perché oggi si parla di Sandra Callegarin e del suo progetto RunYourLifeAgain

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.