Come si allenano i top runner

Articoli correlati

Lo stretching della morte

Un semplice (ma un po' doloroso) esercizio di stretching sembra avere un'efficacia notevole nella prevenzione degli infortuni, specialmente di quelli che riguardano le ginocchia

L’importanza del riscaldamento

Il riscaldamento prima di correre ti dà benefici sia fisici che mentali. Per questo è importante farlo!

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Ogni goccia di sudore è preziosa: usala bene!

Non basta allenarsi bene, non basta allenarsi tanto, la chiave per raggiungere il nostro obiettivo è bilanciare il tutto. Vediamo come fare.
Giacomo Gobbo
Giacomo Gobbo (detto Jack Lucarelli): di giorno veste i panni di un comune impiegato del catasto (o qualcosa del genere), uscito dal luogo di lavoro si cambia all'interno di una cabina telefonica e veste i panni di un Runner. L'avvento dei cellulari gli ha complicato enormemente la vita in quanto non trova più cabine all'interno delle quali cambiarsi. E i parcheggi delle aree di servizio sono luoghi per scambisti quindi l'operazione risulta essere altamente pericolosa. Ogni tanto parte in missione per conto di diomede, suo vicino di casa, e va a correre maratone e gare di trail di lunghezza spropositata. Ha un'insana passione per le storie sulla corsa e tende a riproporle, anche qui dentro, conciliando il sonno del pubblico.

Tempo di lettura: 3 minutiVi siete mai chiesti come fanno i top runners a correre così veloci? Una maratona in poco più di due ore, il che significa correre per 42 km a più di 20 km/h. Genetica, certamente, ma anche e soprattutto tanto allenamento. Ma che significa tanto allenamento ? Vediamo l’esempio di due tra i più grandi maratoneti della storia: Haile Gebrselassie e Geoffrey Mutai

Haile Gebrselassie

La preparazione tipo di un atleta del calibro di Gebrselassie prevede un kilometraggio settimanale di circa 220 km. Il che significa un totale mensile che sfiora i 900 km.
Tutti questi km vengono distribuiti all’interno di 13 sedute settimanali. Due al giorno tranne la Domenica che, essendo giorno di riposo, prevede una sola seduta.
Le sedute più lunghe sono di tre ore ad un passo lento. Si fa per dire, visto che la corsa lenta di Gebrselassie è di 3’45 al km!
Le giornate tipo sono quindi presto descritte. Si comincia alle 5.30 del mattino per un allenamento di circa 2 ore dove percorre 20 km. Il tutto su terreno sterrato e con un andamento in progressione.
Quindi rientra a casa, colazione e via per una giornata di lavoro. Gebrselassie è infatti molto popolare nel suo paese e gestisce varie attività.
Terminato il lavoro c’è un’altra seduta di allenamento, questa volta in palestra per esercizi fisici e, generalmente, altri 10 km sul tapis roulant.
Ed ecco che in un giorno i km accumulati sono gia tra i 30 e i 35. Da quanto sostiene lo stesso atleta, non fa sedute di ripetute ma sfrutta moltissimo la corsa in progressione.
Se lo dice lui.

Geoffrey Mutai

Per il fresco vincitore della maratona di New York i km settimanali sono all’incirca gli stessi anche se distribuiti in un numero inferiore di sedute. Va considerato inoltre il fatto che si allena in Kenya, su un altopiano a 2500 metri sul livello del mare. E questo influisce non poco sulle difficoltà dell’allenamento.

Considerando il periodo di massimo carico, anche il maratoneta kenyano è solito sostenere due allenamenti al giorno ma con qualche differenza rispetto a Gebrselassie. Innanzitutto utilizza un giorno (la Domenica) per riposare completamente mentre il Giovedi è il giorno dove concentra l’allenamento più duro della settimana, una singola seduta ma di 40 km corsi in progressione.

Come ha dichiarato lo stesso Mutai il Giovedi è come il giorno della gara. Sveglia alle 4:30, una colazione veloce e alle 5:30 è pronto per la corsa. Lungo le colline attraversate dal percorso di 40 km che deve compiere.

Tipicamente l’allenamento di Mutai nella settimana è il seguente:

Lunedi : Mattino 24 km di corsa lenta (tra i 5′ e i 4′ al km), pomeriggio 12 km di corsa lenta (36 km totali)
Martedi: Mattino 50 minuti di corsa lenta, Pomeriggio ripetute da 1 km (24 km totali)
Mercoledi: Mattino 20 km di corsa lenta, Pomeriggio 24 km di corsa lenta (44 km totali)
Giovedi: Mattino 40 km in progressione. Pomeriggio riposo
Venerdi: Mattino 20 km di corsa lenta, Pomeriggio 24 km di corsa lenta (44 km totali)
Sabato: Mattino Ripetute veloci, Pomeriggio Riposo (20 km totali)
Domenica: Riposo

Facile no?

 

Credits: Pic by  Twitter: @HaileGebr and http://www.flickr.com/photos/ccho/

Altri articoli

4 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Brooks Adrenaline GTS 20, la stabilità è comodissima

La ricerca dell'equlibrio e della leggerezza in un tutto armonico: ecco le Brooks Adrenaline GTS 20

Si farà la maratona di New York?

Il sindaco Bill de Blasio, comprensibilmente, dà risposte evasive

Forse non tutti sanno che, running edition

Una serie di notizie e curiosità gustose e spassosissime tanto quanto inutili, ma non si può mica essere sempre seri, no?

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.