Airia One: in Svezia corrono più veloci

Tempo di lettura: 3 minuti

Per capire che la Airia One ha qualcosa di particolare basta guardarla di profilo: avevamo visto scarpe con mesh stranissime, suole spesse o sottili, talloni stondati o squadrati, ma scarpe con la punta così visibilmente all’insù non le avevamo mai viste. Non si tratta ovviamente di un vezzo ma del risultato di 20 anni di ricerca e più di 5000 test. Alla fine, secondo i designer di Airia, questa è la scarpa definitiva per correre: è adatta a qualsiasi tipo di runner (che corra di avampiede o di tallone) e fa andare più veloci.

Tutti più veloci

Qual è la più grande invenzione dell’uomo? La ruota, dicono. Infatti da quella è partito Svante Berggren per concepire la Airia One e la punta così alta (che segue quindi una precisa curvatura con il resto della suola) ne è la conseguenza.
La soluzione si basa sull’instabilità che una suola così concepita genera: è fatta per spingere il runner in avanti, sempre più forte. Esattamente come una ruota non è stabile ma ha la miglior forma per rotolare, così le Airia One predispongono alla corsa. La ruota inoltre appoggia la minima superficie necessaria a garantire l’aderenza, così come questa scarpa che ha anche il tallone stondato. Non ci puoi stare in piedi e basta: devi correrci!

Sullo stesso argomento:
Salomon S/LAB ME:sh: letteralmente la scarpa per il tuo piede

La prima scarpa a drop longitudinale

La Airia One ha un drop variabile rispetto all’asse longitudinale del piede: 0 mm tra interno mesopiede e tallone per chi corre di punta o di avampiede (natural/barefoot) e 6 mm tra esterno mesopiede e tallone per chi lo fa di tallone. Quindi non solo la scarpa più veloce, ma anche quella adatta a qualsiasi tipo di runner. Chi corre natural usa questa scarpa come una qualsiasi scarpa a drop 0, chi corre di tallone come una scarpa con drop 6 mm. Non tanto, ma nemmeno nullo.
Ogni sforzo quindi è stato concentrato sulla forma della suola (prodotta da VIBRAM), decisamente originale. I test sembrano confermare la bontà dell’intuizione: la maggior parte dei tester ha migliorato il proprio tempo medio dell’1-2%, alcuni anche del 7%).

Le Airia One sono già disponibili in pre-ordine al prezzo di 190$. Le prime consegne saranno effettuate nella primavera del 2014.

10843070713_06e40a0206_h 10731605604_100fd8cd55_h 10842736545_802ea1bb22_h 10842738675_3456613537_h 10842888714_5d888bbf7b_h 10731507415_0870600cf8_h

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.