Una maratona di 7.771 storie e oltre

Articoli correlati

Non c’è due senza trail

Quando pensi di aver provato tutto, si apre un'altra porta per sperimentare ancora. E come si fa a dire di no?

Road to Rio: andiamo a portare questa fiamma!

La nostra Anne vivrà un'esperienza meravigliosa: sarà tedofora alle Olimpiadi di Rio 2016. Ma cosa significa portare la torcia olimpica? Lei ce lo racconta.

Cronache di una 100km

12 ore per correre 100km. Provo a raccontarvi cosa succede in tutto quel tempo

Hai allenato anche la fiducia Anne?

Domani faccio il Passatore. Calma e carica? Carica sì, calma ehm...
Anne Zannoni
Annalisa Zannoni (detta Anne): lo sguardo che pietrifica, la voce che stordisce, i tentacoli che stritolano. Sono tutte caratteristiche...che non le appartengono. I tentacoli forse ma non ho mai guardato troppo bene. Anne vive in vari posti, basta che si trovino tutti sulla linea di partenza di una maratona qualsiasi. Di professione fa l'ottimista. Ha da tempo iniziato il suo processo di trasformazione in donna bionica, sostituendo con delle protesi fatte di sushi le articolazioni infortunate. E' a buon punto ma ultimamente si è fermata sul processo di bionicizzazione delle caviglie dove è richiesto del wasabi aggiuntivo. Presto però sarà ultimata e allora il suo progetto di conquista del mondo potrà continuare. E noi la seguiremo come in quel quadro dove c'era la libertà con le poppe di fuori (che però è di schiena e quindi tutti corrono per vedere cosa c'è davanti), anche se Anne è più pudica.

Tempo di lettura: 2 minutiAlzo gli occhi al cielo: il blu sopra Firenze è favoloso. Alzo le braccia, e le mani ricadono pesantemente sulla mia testa.

Me la tengo ferma, perchè dopo 3h e 18′ 20” passati sobbalzando, non si hanno più certezze sulla padronanza dei gesti del proprio corpo.

Inspiro profondamente. Non mi muovo, mi tremano le gambe, non poco … faccio fatica a camminare. Vado talmente storta che la signora che mi deve consegnare la medaglia fa il gesto di sostenermi. La tranquilizzo dicendole che è solo un attimo di defaillance.

Ci sono attimi, istanti precisi, in cui quando arrivi in fondo a una maratona hai un senso di “cosmico” davanti a te, che le migliori parole non riescono a descriverlo. Non saprei bene definire cos’è. Quel momento in cui arrivi, e smetti di far andare le gambe e le braccia, in cui il cuore finalmente rallenta e gli occhi diventano lucidi: esattamente, cosa si prova?

Io credo che ognuno di voi che abbia corso una maratona, o in generale una gara che riteneva al di sopra della proprie capacità, ecco credo che sì, l’abbia provato. E ognuno potrebbe raccontarlo in modo diverso. Perchè diverse sono le storie che ci accompagnano e ci spingono a correre oltre ai nostri limiti, permettendoci di vivere distanze lunghissime come momenti “epici” delle nostre vite.

Ripenso a quelle 7.771 persone, che domenica hanno tagliato con me l’arrivo della Firenze Marathon. Dal primo classificato, l’etiope Shumi Endeshaw Negesse in 2h 09′ 59” all’ultima, l’americana Daley Susan, in 6h 39′ 26”. Mentre correvo pensavo alla storia di chi era intorno a me. Leggevo il nome su alcune canotte, una città, un motivo per cui correvano … eravamo tutti lì per farci quei 42km e spiccioli di corsa, e quando non ce la si faceva più, eravamo disposti a farli anche a piedi. Tutti spinti da uno strano impulso inclassificabile, a metà tra la sfida verso se stessi, il dimostrare una forza di volontà e il volere fare una cosa che lasci un segno preciso, un’esperienza nelle nostre vite.

Ogni volta che una donna mi sorpassava (e per la cronaca: dal 30°km in poi, mi hanno sorpassato in parecchie :)), io buttavo sempre un occhio furtivo al suo viso. Vedevo la fatica, osservavo lo sforzo e l’essere “al limite”. Ma poi c’era in tutte quel barlume vivo, di coloro che in fondo ci arriveranno. E mi chiedevo: “Chissà chi le aspetterà al traguardo…chiunque sia, le starà aspettando con quell’ansia gioiosa di qualcosa di bello che sta per accadere”. E la cosa in automatico, mi faceva tener duro anche a me, che oltre al mio rinomato mantra (daic****!) pensavo a tutto il sostegno morale che c’era intorno a noi, stolti bipedi che correvamo.

Chi era con me, per sostenermi, si è emozionato più di me. E non perchè c’ero “io” che correvo, ma perchè la massa emozionale che può muovere una maratona, è davvero qualcosa che si tocca con mano. Auguro davvero a tutti di poterla provare almeno una volta, sia dalla parte di chi corre, (con la giusta preparazione eh? Non fate scemenze, per carità!) che di quelli che supportano e “ci sono” in generale, sia prima che durante la gara.

Perchè solo così le gare diventano Esperienze, con la “E” maiuscola. Non non solo di sport, ma di vita.

 

 

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Le scarpe per migliorare il proprio Personal Best

Ci sono delle scarpe nate per farci andare più veloci e battere il nostro personal best. Ecco la nostra selezione in vista della Deejay Ten!

Gli atleti pro si “allenano” anche in volo

Se vuoi raggiungere il massimo non devi lasciare niente al caso. Tipo prepararti sempre, anche in volo

L’intelligenza di chi corre

Per uscire dalla zona comfort puoi spaccarti di allenamenti oppure essere curioso e leggere libri o ascoltare musica o vedere film. O fare tutto questo, assieme

Brooks Hyperion Elite 2: versione definitiva

Quando, all’inizio di febbraio, Brooks ha presentato la famiglia Hyperion (ne trovi la descrizione qui), già si sentiva nell’aria il fatto che avrebbero presentato...

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Gli effetti dello sport sul tuo cervello

Perché fare sport fa bene al tuo cervello? Perché lo stimola e lo fa "crescere". Ecco come.