Tai Chi Run e la consapevolezza del movimento

Articoli correlati

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

La prova del Miglio Magico

C'è un metodo semplice per capire esattamente quale sarà la tua andatura in gara. Per conoscerlo devi correre il Magico Miglio, ma non è niente di mistico!
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 2 minutiPenso che chiunque, più o meno, abbia passato le diverse fasi della maturazione nel proprio percorso di crescita come runner.

La prima, quella della “beata ignoranza”, nella quale preparare una corsa significa selezionare la playlist perfetta e l’outfit più cool per uscire (e l’accostamento cromatico conta più di ogni altra cosa, anche a costo di usare una vecchia maglietta di cotone dei tempi del liceo). Ma poi ti rendi conto che la musica non fa la differenza e torni a casa distrutto, gocciolante e immerso nel sudore.

La seconda: ho già l’abbigliamento tecnico e le scarpe giuste ma cerco la tabella perfetta che in un mese mi farà passare dal mio passo attuale di 6’40″/km alla mezza maratona conclusa in un’ora e mezza (cioè, roba che neanche Superman). E ci sbatti il naso. E ti rendi conto che mente e corpo viaggiano a velocità diverse. Hai letto che “se lo puoi pensare allora lo puoi anche fare” ma nessuno ti ha detto che tra pensiero e risultato ci sono migliaia di chilometri ed ettolitri di sudore.

A questo punto sei di fronte a un bivio: ti intestardisci e lavori a testa bassa oppure cerchi di evolvere, capire, acquisire maggiore consapevolezza sul tuo corpo e sulla pratica della corsa (che va ben oltre il semplice mettere un piede davanti all’altro). E la consapevolezza parte sempre dal cervello e dall’osservazione delle cose.

Ti rendi conto che appoggio, postura, economia di movimento possono fare la differenza (anche notevole) tra una corsa stancante, pesante, interminabile e un’altra leggera, più veloce, agile e rilassante.

Consapevole o no, scopri il Tai Chi Run.

Ma cosa significa? Tai Chi Run significa concentrarsi su ogni singolo movimento del corpo – analizzandolo attentamente – ed esula dalla potenza muscolare per focalizzarsi soprattutto nell’efficienza del movimento. Se mi conosco bene, potrò rendere al 100% delle mie capacità. E a questo punto smetterò di pensare alla corsa ma starò meditando sulla corsa.

Ecco che arriva la consapevolezza. Ed è bello così.

E la consapevolezza porta un appoggio più spostato verso la parte mediale del piede, una postura di corsa ben eretta per favorire la respirazione, uno spostamento in avanti del baricentro. Ma – in fondo – questi sono solo dettagli, effetti, piccole regole che tutti possiamo imparare. La cosa davvero interessante è arrivare alla conoscenza del nostro corpo, del gesto atletico e – non ultima – dell’alimentazione che meglio si adatta ai differenti momenti della nostra giornata atletica e lavorativa. Appunto, e per l’ennesima volta: la consapevolezza.

(C’è chi ne ha fatto un video che in 4 minuti spiega tutto. Personalmente preferisco non rinunciare alla dimensione filosofica e meditativa che ci distingue dagli altri esseri viventi)

(credits immagine principale: ©iStockphoto.com/Lipik1)

Altri articoli

6 COMMENTS

  1. Pratico tai chi da anni e ho iniziato a correre…questo articolo è stato illuminante,ora posso fondere le due cose che amo di più ;)

  2. corro praticamente da 2 settimane e purtroppo solo ora dopo la prima uscita su asfalto (e forse scarpe sbagliate) mi rendo conto di quanto scritto sopra, sono passati 5 giorni ed ancora ho fastidio alle ginocchia…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.