Piccolo bignami per aumentare la resistenza

Articoli correlati

Aumentare distanza e velocità

In questo nuovo episodio di Fuorisoglia esploriamo le tecniche di allenamento per migliorare due aspetti chiave che chi vuole affrontare gare deve affinare: la distanza e la velocità

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.

Lo stretching della morte

Un semplice (ma un po' doloroso) esercizio di stretching sembra avere un'efficacia notevole nella prevenzione degli infortuni, specialmente di quelli che riguardano le ginocchia

L’importanza del riscaldamento

Il riscaldamento prima di correre ti dà benefici sia fisici che mentali. Per questo è importante farlo!
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: < 1 minutoSai, ho deciso: tra sei mesi corro la mia prima maratona!”  – Capita a volte di sentire questa frase da chi, ignaro, è convinto che bastino sei mesi per passare da una condizione di sofa-addiction a quella di stefano-baldini-era-nulla-al-mio-confronto. Non è così.

Soprattutto quando si arriva da condizioni di pigrizia estreme, il nostro corpo ha bisogno di adattarsi e, innanzitutto, di aumentare la resistenza.

Tutto questo preambolo per dire: come si aumenta la resistenza? Sembra assurdo ma (in linea di massima) è molto più difficile migliorare la resistenza che la velocità.

La regola, fondamentalmente, è una sola: correre piano, il più a lungo possibile, lavorando sulla quantità dell’allenamento anziché sulla qualità. Dare il tempo al nostro corpo di riposare e poi ricominciare aggiungendo un po’ di distanza in più. Il nostro fisico ha bisogno di adattarsi allo sforzo, sia sul piano muscolare che cardiaco. Questo avviene soltanto con l’allenamento continuo, in costante progressione di distanza.

Definita la regola, vediamo i suoi corollari (matematici, scusatemi! Lo so che sono impreciso):

1. Ogni settimana (o 15 giorni) incrementiamo la distanza del lungo del 10%. (Cos’è il lungo? È l’uscita settimanale in cui facciamo la nostra maggiore percorrenza)

2. Usciamo a correre almeno 3 volte alla settimana, 4 sarebbe meglio.

3. Rispettiamo i giorni di riposo (questo c’è anche in un altro comandamento, lo so…).

4. Manteniamo sempre un ritmo di corsa con respirazione facile (quindi in piena zona aerobica).

5. Concentriamoci su posizione e movimento, cercando di ottimizzare lo sforzo.

6. Stiamo rilassati, godiamoci il panorama e, soprattutto, resistiamo alla voglia di accelerare.

- Advertisement -

Altri articoli

1 COMMENT

  1. Il test di soglia (quale? ) per un principiante è difficile da fare (bene ), difficile da interpretare e ancor di più da utilizzare. Secondo me.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.