Oggi spero che piova, o che ci sia vento. Insomma: voglio mettere la mia Gore Magnitude.

Non è mai bello quando piove o fa freddo. Correre col vento poi. Eppure ci son giorni in cui hai voglia di andare a correre anche se il tempo è proibitivo o anche solo fastidioso. Ovviamente se hai la giusta giacca per farlo. GORE RUNNING WEAR™ Magnitude è una giacca WINDSTOPPER® votata alla protezione dal vento, ma l’impiego della tecnologia dei tessuti GORE-TEX® la rende adattissima anche alla pioggia. E’ aderente e perfettamente traspirante ed è davvero un piacere indossarla. Inoltre pesa meno di mezza piuma, e chi corre sa bene che ogni grammo in più aumenta la fatica.

La capacità dei tessuti in GORE-TEX® di essere impermeabili pur garantendo la traspirazione è uno dei suoi punti di forza: ormai qualsiasi capo di abbigliamento tecnico da corsa permette la traspirazione della pelle (e quindi l’eliminazione progressiva del sudore, senza che questo resti imprigionato fra la pelle e il tessuto o, peggio, impregni i tessuti rendendoli pesanti e fastidiosi da portare), ma solo i tessuti in GORE-TEX® sono al contempo impermeabili. E la loro efficacia è stata più volte testata su queste pagine, soprattutto nelle scarpe da trail-runningcarrozzateGORE-TEX®.
La giacca GORE RUNNING WEAR™ Magnitude permette quindi di correre a temperature medie garantendo una ottimale traspirazione della pelle e una generale impermeabilizzazione. Perché è importante la traspirazione? Perché permette al corpo di scambiare calore con l’esterno e di mantenersi sempre in una condizione “quasi” ideale di bilancio termico, limitando lo stress e il fastidio dovuti al surriscaldamento della cute. Scambiare correttamente calore con l’aria esterna garantisce quindi una condizione di benessere che rende piacevole la corsa, eliminando il calore in eccesso o mantenendolo all’interno quando fuori tira un forte vento.

Sullo stesso argomento:
L'abbigliamento da running non è tutto uguale

La membrana in GORE-TEX® funziona infatti nei due sensi: dall’esterno verso l’esterno controllando e regolando l’espulsione del sudore e quindi del calore, e dall’esterno verso l’interno, impermeabilizzando la cute.Può essere divertente correre *anche* con la pioggia e il vento? Può essere. Incredibilmente e piacevolmente, può esserlo.

Pro

[unordered_list style=”green-dot”]

  • Comodità
  • Estetica
  • Leggerezza incredibile
  • Impermeabilità e potere traspirante
  • Banale, ma non poi tanto: ha una tasca per le chiavi o il cellulare!

[/unordered_list]

Contro

[unordered_list style=”red-x”]

  • Prezzo (purtroppo è molto elevato e oscillante fra i 190 e i 250€)

[/unordered_list]

 

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.