Nike Flyknit: 34 grammi di pura innovazione

Tempo di lettura: < 1 minuto

C’è sempre un filo che collega le cose, dai tempi di Teseo e Arianna. Un filo che collega la disciplina ai risultati, la dedizione alla passione. Un filo può diventare una corda – e legare – ma può avvolgere, rendendoci più sicuri se ne abbiamo bisogno.

Nike Flyknit nasce così. Gli atleti volevano una scarpa con le qualità di una calza: avvolgenti ma impercettibili a chi la indossa.

Ok, tutti sappiamo che correre con i calzini potrebbe non essere una buona idea ma Nike è partita proprio da lì ed è passata per 4 anni di microingegneria per creare una tomaia in maglia – un unico strato – che fosse in grado di dare sostegno, supporto, flessibilità e traspirazione.

Il risultato è una scarpa, Flyknit Racer che pesa 160 grammi (la tomaia solo 34).

È una scarpa da gara (la vedremo ai piedi degli atleti di Kenya, Gran Bretagna, Russia e Stati Uniti alle olimpiadi di Londra) ma sarà disponibile anche un modello per gli allenamenti di tutti i giorni, la Nike Flyknit Trainer+ che si preannuncia essere 220 grammi di divertimento e velocità.

Entrambi i modelli faranno il loro esordio nella collezione HTM Flyknit e saranno disponibili dal prossimo luglio.

Un ultimo giudizio, estetico e personalissimo: WOW!

[nggallery id=24]

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.