New Balance Spring 2013 M890v3 Rainbow: Life in Truecolor

Tempo di lettura: 2 minuti

Dai, provate a descrivere di che colore sono le New Balance M890v3 Rainbow. Sono rossegiallocelestibluarancioverdifluoporporaviolamagentaverdemarciotaxidinewyork.
Neanche un writer sotto acidi sarebbe riuscito a fare altrettanto.

Le Rainbow sono un’invenzione della divisione giapponese di New Balance. Le prime erano molto colorate. Quelle dopo molto molto colorate. Quelle dopo ancora molto molto coloratissime. Queste sono la liquefazione di un monitor in truecolor colato su una serissima scarpa da running di NB, uno dei suoi modelli di punta.

Tecnicamente non si scherza.

La New Balance M890v3 “di serie” è così:

Abbastanza diverse dalle Rainbow, non c’è che dire. Ma la buona notizia è che la versione “Enhanced” è uguale: stesso drop da 8mm, stessa ammortizzazione REVlite (una sicurezza New Balance), stessa leggerezza e tenuta delle sorelle “serie”.
C’è addirittura qualche miglioramento: un rinforzo della suola in posizione mediale per incentivare ancora di più l’appoggio di avampiede, direzione verso quale New Balance si sta sbilanciando sempre più anno dopo anno.
La differenza è che con queste non potete non farvi notare.

Ma ci andrete mai a correre?

Potreste farlo tranquillamente, ma non le comprereste mica per quello, no? Magari sulla strada, mentre correte, pochi si accorgerebbero di che scarpe indossate, e la qualità della vostra corsa sarebbe garantita da una scarpa collaudata e ottima. Ma è nella vita di tutti i giorni che la M890v3 Rainbow rende al massimo: non solo non passerete inosservati, ma avrete sempre un argomento di discussione: Hey, se Pollock avesse fatto una scarpa da running, come l’avrebbe fatta? TAAAAC!

Sullo stesso argomento:
adidas Tubular: nuovi modelli e nuovi materiali

Le New Balance M890v3 Rainbow saranno disponibili da febbraio 2013 solo in rivenditori selezionati. 

[nggallery id=90]

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.