Mizuno Evo Cursoris e Levitas: la prima volta di Mizuno nello Zero Drop

Tempo di lettura: 2 minuti

Le Evo Cursoris e Levitas di Mizuno sono ufficialmente le prime scarpe dell’azienda giapponese espressamente studiate per il barefoot running (anche se i suoi creatori, curiosamente, le definiscono specifiche per il “mid-foot striker”, ossia runner che corre di avampiede – ma ci sta).

Target: zero.

Mizuno non scende a compromessi e sembra non voler abituare gradualmente il proprio pubblico di numerosissimi appassionati (le Mizuno sono una delle marche più diffuse nel mondo del running, professionistico e amatoriale, ma soprattutto il primo) con modulate gradazioni di drop: alcuni propongono offerte intermedie (drop da 8 mm o da 4, per esempio): l’azienda giapponese scende drasticamente a 0.

E lo fa con una scarpa molto interessante e capace, almeno a giudicare dalle preview sin qui viste, di esprimere e perfezionare le caratteristiche fondamentali di una scarpa da barefoot o corsa naturale:

  1. Drop contenuto o nullo
  2. Punta larga che permette alle dita di allargarsi in fase di rilascio e spinta
  3. Ammortizzazione (cushioning) omogeneo (18 mm) e scolpitura della suola specie nella metà anteriore, dato che il tallone *non* deve appoggiare (o poco)
  4. Design minimal, mesh traspiranti, bellezza essenziale

In particolare Mizuno si è concentrata su una “frammentazione controllata” della parte anteriore della suola: scolpiture longitudinali e trasversali garantiscono un’elevata torsione in due direzioni, permettendo al piede di adattarsi ad una corsa naturale senza essere costretto in una scarpa che lo vincola. Il tallone è invece quasi liscio e solo ammortizzato, per attutire eventuali e quasi inevitabili atterraggi.

Sullo stesso argomento:
Cos'è il drop di una scarpa da running

Barefoot in salsa Mizuno.

L’approccio di Mizuno sembra essere quello di proporre una scarpa dichiaratamente da barefoot, ma che non trascura la necessità di avere un’adeguata ammortizzazione (vi ricordiamo che la “giusta ammortizzazione” è stata scientificamente stabilita in 10 mm), in puro stile Wave, tratto caratteristico del gigante giapponese della scarpa da running.
Che dire? Siamo molto curiosi di vederle dal vivo e di poterle provare per voi.
Le Mizuno Evo Cursoris e Levitas saranno disponibili a partire dall’inizio del 2013.

[nggallery id=84]

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.