Le gare più dure (e fuori di testa)

Articoli correlati

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come iscriversi alla NY City Marathon (virtuale)

Ecco come partecipare alla virtual race della NY CIty Marathon

La virtual race che non è la solita virtual race: IOCORROQUI

Veniamo da un periodo difficile, non c'è dubbio. Un periodo che ci ha portato a un cambiamento - voluto o imposto - di abitudini...

Brooks Virtual 5K per il Global Running Day: tutti insieme, anche fisicamente, in un’opera d’arte

Brooks, in occasione del Global Running Day, organizza una Virtual 5K per celebrare il running e creare un'opera d'arte con i partecipanti
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 2 minutiAHAHAHAHAHAHAH! Pensavate parlassimo della Strongman? Naaa, al confronto quella è una gara da mammolette (per quanto sia durissima, eh). Qui parliamo di fango, fuoco, acqua e gelo. Inseguimenti di zombie.

Tough Mudder

La Tough Mudder si autodefinisce “probabilmente l’evento più duro del pianeta” e, a giudicare dal video, potrebbero aver ragione. Si tratta di un durissimo percorso a ostacoli ideato dalle Forze Speciali Inglesi. Una corsa di 10-12 miglia con difficoltà durissime: dalle vasche ghiacciate al fuoco, dal percorso elettrificato ad arrampicate ripidissime, il tutto condito con migliaia di metri cubi di fango. Volete provarci? Prima vi consiglio un benaugurante pellegrinaggio a Lourdes.

Badwater Ultramarathon

Per runners estremi, la Badwater Ultramarathon è, a mio parere, la corsa più dura che l’uomo potesse inventare. 217 chilometri (sono più di 5 maratone) da correre consecutivamente, passando da -85 mt s.l.m. a 2.548 mt, parte da Badwater e – attraversando la Death Valley – arriva Whitney Portal. Il problema? La distanza, il dislivello e – soprattutto –  la temperatura che può arrivare a 55°C (bisogna stare attenti perché le suole delle scarpe si fondono al contatto con l’asfalto). È un’impresa così epica che ci hanno fatto anche un film (il video qui sopra è il trailer).

Antarctic Ice Marathon & Ultramarathon

Il nome la descrive già perfettamente. Le temperature sono polari però potete scegliere due lunghezze: 42 oppure 100 chilometri. Si svolgerà alla fine di novembre 2013 (è il periodo più caldo) e l’iscrizione costa €10.500. No, non è per tutti, anche il costo è un ostacolo notevole.

Run for your lives

Immaginate uno scenario apocalittico in cui un virus misterioso ha trasformato gli esseri umani in zombie e voi siete sopravvissuti. Bisognerà correre più veloci dei non-morti per salvarsi. Run for your lives è una 5K in cui bisogna superare ostacoli, labirinti e – soprattutto – non cadere in mano agli zombie.

Prometto, non mi lamenterò mai più delle ripetute. Mai più.

Altri articoli

3 COMMENTS

  1. Ciao. Hai dimenticato l unica gara che ha segnalato morti e dispersi: la Marathon des Sables che si svolge nel deserto marocchino: 280 km in tappe variabili dai 30 agli 80 km, in completa autosufficenza ( zaino con cibo per 7 giorni, coperta, ricambi ecc.) Personalmente, ho fatto 2 spartan sprint e una spartan super, piu varie mezze maratone e maratone, ma questa ha una sottile linea che la divide delle altre: non gareggi contro i tuoi limiti, ma contro la morte. Statisticamente, Hai 1 probabilità su 450 di non tornare a casa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Topo Athletic Ultrafly 3, e corri sui binari

Le Topo Ultrafly 3 hanno qualcosa che non tutte le scarpe da running hanno: l'equilibrio

La prova del Miglio Magico

C'è un metodo semplice per capire esattamente quale sarà la tua andatura in gara. Per conoscerlo devi correre il Magico Miglio, ma non è niente di mistico!

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.