Inov-8 Road 233: l’evoluzione del piede

Tempo di lettura: 2 minuti

Togli tutto il peso inutile. Fatto? Riduci il drop per favorire un appoggio naturalmente ammortizzato. Fatto? Aggiungi sostegno solo dove serve. Inserisci una protezione specifica per la fascia plantare. Usa un mesh traspirante e leggero. Fatto? Fatto? Fatto?
[Un ipotetico Giovanni Muciacciache cerca di costruire le Road 233]

Descritto in questa maniera sembrerebbe quasi che Inov-8 abbia fatto una scarpa essenziale, minimal, dal peso contenuto (233g), con un prezzo accessibile (circa 120€ in negozio) e poco più. Ma, onestamente, vi parrebbe onesto giudicare un piatto solo conoscendone gli ingredienti? La verità è un’altra: le Road 233 sono delle scarpe magiche che ti fanno correre come vogliono loro. Come dovresti correre veramente. Evolvono il piede migliorandone la biomeccanica, sostenendoloe proteggendolo dove serve.

Se avete deciso di spostare il vostro appoggio verso l’avanpiede e siete sostenitori della filosofia less-is-more, in questo scenario, le Inov-8 Road 233 sono perfette.

Respira facile e sta’ dritto (aka La Tomaia)

Appena infili le Road, la leggerezza della tomaia appare evidente: il piede respira perfettamente e lo scambio tra aria calda / sudore interni con l’aria fresca esterna è davvero strepitoso. Questo processo funziona benissimo anche nella pioggia e con il freddo rendendo queste Inov-8 ottime per tutto l’anno.

La calzata è ben aderente ma con molto spazio per le dita nell’avanpiede. La buona allacciatura si collega alla suola con una serie di supporti per la parte mediale del piede dando un’ottima sicurezza in movimento. Il supporto alla caviglia dà buona stabilità mentre la zona del tallone non ha protezioni particolari. È grave? No, il tallone con queste scarpe sarà impossibile usarlo in appoggio.

Sullo stesso argomento:
Natural, minimal, barefoot: parliamone

Design

Le Road 233 hanno un’estetica molto aggressiva: si capisce che sono delle scarpe fatte per correre veloci, per le gare. Da un’automobile Lotus non ci si aspetta sobrietà, si vuole che urli per tutto il tempo GROAR!!!!! In questo contesto sono molto curate: il graphic design è essenziale ma sportivo e la scelta dei materiali è perfettamente coordinata allo spirito della scarpa.

Appoggia bene il piede, corri con efficienza (sua maestà La Suola e L’Appoggio)

Il sistema instersuola – suola – battistrada è il vero gioiello di questa calzatura. Il differenziale tra tallone e punta (drop) di 6 mm, uno speciale sistema di supporto per i fasci plantari (Dynamic Fascia Band™) e una ridotta distanza tra piede e asfalto, portano le Road 233 a constringerci verso un appoggio più naturale, minimal, più sensibile. Verso l’avanpiede.

Toccare terra con il tallone è molto difficile, a meno che non lo si faccia volontariamente. Per questo motivo l’ammortizzazione è quasi inesistente: perché non serve. La sensazione più stupefacente è che mentre corri, senza rendertene conto, il tuo baricentro e il tuo appoggio cambiano, diventano più naturali, diventano più efficienti.

La mescola del battistrada è molto buona e – nonostante sia quasi liscio – garantisce un’ottima aderenza anche sul bagnato.

Riassumendo

Le Inov-8 Road 233 sono delle scarpe davvero ottime, adatte a un pubblico consapevole che appoggio del piede e componenti della scarpa possono fare la differenza. Un prodotto bello esteticamente e davvero ben fatto che “insegna” a correre di avanpiede.

Sullo stesso argomento:
Brooks Adrenaline GTS 17: nata per durare
Pro
  • Appoggio perfetto
  • Grande sensibilità sulla strada
  • Supporto per i fasci plantari
  • Adatta a tutte le stagioni
  • Estetica molto piacevole
  • Aderenza ottima anche sul bagnato
Contro
  • I fori dell’aerazione della suoletta possono fare attrito con l’esterno dell’alluce (sì, è l’unico difetto che sono riuscito a trovare!!!)

[nggallery id=77]

Per info: http://www.aicad.com/it-IT/inov-8.html

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.