Dynafit Feline – La scarpa da trail tecnologica

Tempo di lettura: 2 minutiDynafit è un marchio noto soprattutto agli amanti dello scialpinismo che non stentano a riconoscerne l’elevatissima qualità dei materiali. Nell’ultimo periodo l’azienda, che ha la sua sede centrale in Germania e fa parte del gruppo Salewa, ha esteso le sue competenze anche agli sport estivi concentrandosi in particolar modo nel trail running. Ecco dunque che, assieme ad una linea di abbigliamento specifico, Dynafit ha prodotto anche una scarpa da trail ad elevatissimo contenuto tecnologico. Si tratta delle Dynafit Feline Superlight.

Dopo lunghe ricerche e anni di test Dynafit è arrivata a produrre una scarpa davvero notevole che riesce a garantire ammortizzazione e sicurezza pur mantenendo un peso veramente contenuto (per la misura 8 viene dichiarato un peso di 285 g). Per questa ragione, questo modello di scarpa, è adatto anche a gare particolarmente impegnative come possono essere gli Ultra-Trail di lunga durata. E’ proprio in una gara di questo tipo, la Trans D’Havet (un Ultra-Trail di 80 km) che ho avuto modo di testare le Dynafit Feline. Vediamone assieme le caratteristiche.

Suola e Intersuola

La suola, sviluppata con Vibram®, offre un’aderenza ai massimi livelli su tutti i tipi di terreno. E’ questo un elemento nel quale l’azienda ha investito molto, consapevole dell’importanza del grip nell’attività di Trail Running. E’ sufficiente vedere la tassellatura per rendersi conto della presa che la suola può fare su tutti i tipi di terreno. L’intersuola Multi Pad garantisce precisione ed una grande adattabilità ai diversi terreni aumentando il confort della calzata che rimane molto elevato anche dopo svariati km e numerosi passaggi su sassi, rocce e radici.

Tomaia

La tomaia, particolarmente aggressiva, è in tessuto traforato e consente un’alta traspirabilità. Innovativo è il sistema di allacciatura che tramite una ghetta protettiva, denominata Invisible Lacing,  impedisce l’apertura accidentale dei lacci e consente un’elevata precisione nell’allacciatura. Il puntale è rinforzato ed evita dolorose collisioni con ostacoli che facilmente si incontrano lungo i percorsi trail. Tale protezione è evidente anche nella struttura della scarpa. Una volta calzata ci si sente protetti da una calzatura forte e al tempo stesso confortevole.

Estetica

Poco da dire, è una scarpa tecnologica che punta al sodo ciononostante risulta essere molto gradevole anche da un punto di vista meramente estetico.

Conclusioni

Per il momento la migliore scarpa da trail che abbia mai provato. Una volta calzata si avverte tutta la reattività e la sicurezza che la struttura di questa scarpa riesce a fornire. Il piede, all’interno della calzatura, non si muove di un millimetro aumentando la precisione, soprattutto in discesa. Il grip poi è qualcosa di incredibile, negli 80 km della Trans D’Havet mai mi è capitato di perdere un passo qualunque fosse il terreno che stavo calpestando: terra, erba o roccia.
La scarpa è presente in due versioni. E’ disponibile infatti anche la versione in Gore-Tex® nel caso si preferisca una maggiore impermeabilità della calzatura.

Pro e Contro

PRO

  • Grip
  • Confort
  • Sensazione di protezione
  • Leggerezza e reattività

CONTRO

  • Nessuno

Le foto sono state ricavate direttamente dal sito della casa produttrice: http://www.dynafit.com/it

Avatar
Giacomo Gobbo
Giacomo Gobbo (detto Jack Lucarelli): di giorno veste i panni di un comune impiegato del catasto (o qualcosa del genere), uscito dal luogo di lavoro si cambia all'interno di una cabina telefonica e veste i panni di un Runner. L'avvento dei cellulari gli ha complicato enormemente la vita in quanto non trova più cabine all'interno delle quali cambiarsi. E i parcheggi delle aree di servizio sono luoghi per scambisti quindi l'operazione risulta essere altamente pericolosa. Ogni tanto parte in missione per conto di diomede, suo vicino di casa, e va a correre maratone e gare di trail di lunghezza spropositata. Ha un'insana passione per le storie sulla corsa e tende a riproporle, anche qui dentro, conciliando il sonno del pubblico.

Altri articoli come questo

New Balance 1080 v10: evoluzione e rivoluzione

Tanta nuova tecnologia nella nuova versione delle New Balance 1080. Le abbiamo provate ed ecco come vanno, tra nuova tomaia e nuova ammortizzazione.

Le scarpe più amate del 2019

Il 2019 non è stato affatto parco in termini di novità. Non ci sono state rivoluzioni o meglio: quelle del passato sono arrivate a maturazione e hanno permesso di abbattere record imbattuti da decenni

Le scarpe veloci, secondo Nike

La recensione dei due modelli Nike dedicati alla velocità: Vaporfly NEXT% e Pegasus Turbo 2 (anche in versione Shield). Un'intersuola in comune e moltissime differenze.

Nike riscopre (finalmente) il trail running

C'è questo termine siculo che amo svisceratamente poiché mi si addice parecchio: tampasiàre. È uno di quei termini pressoché intraducibili, se proprio lo vogliamo...

HOKA ONE ONE Clifton 6: le prime della classe

Abbiamo provato le Clifton 6 e indubbiamente sono delle scarpe che stupiscono, in positivo, sotto ogni aspetto. Veloci, leggere, protettive e comode!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.