Dimmi come ti vesti, ti dirò ma sei scemo?

Articoli correlati

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Tempo di lettura: 2 minutiFino alla settimana scorsa, ero una di quelle che andava a correre vestita a caso. No, non proprio a caso, ma nemmeno super tecnologicamente accessoriata. Maglietta termica, sempre. Pantaloncino con leggings termico sotto, sempre. Scarpe giuste, sempre. Ma niente di particolarmente tecnologico.

La settimana scorsa mi sono decisa ad andare a fare shopping per la corsa. Non voglio più sembrare una rapper con maglietta XL, ho pensato, voglio sembrare una runner di quelle serie. Una volta comprati i pantaloni giusti e la maglietta giusta sono andata a correre felicemente, per poi ricordarmi che vivo a Londra.

E qui la gente si veste come cavolo capita.

Per uscire, e per correre.

Le persone che incontro correre per Londra suscitano dei dubbi ancestrali nella mia testa, perché mi chiedo come possono venire in mente certi outfit per la corsa. Che l’unica cosa mi verrebbe da domandare è un banalissimo e sincerissimo “Ma che sei scemo?”

Voi sapete tutti che per correre, anche se c’è freddo, non bisogna coprirsi molto. Ma se c’è -5 e un vento gelido a raffiche, non mi ti puoi presentare al parco in CANOTTA E PANTALONCINI come se fosse piena estate e fossimo in Sardegna. Canotta e pantaloncini. Ma che sei scema?

La signorina mi sfoggiava canotta e pantaloncini a -5. Vento albionico gelido contrario e nevischio. Le sue braccia erano color viola, le gambe ormai erano rosse scure. E lei, come nulla fosse, correva nonostante il principio di congelamento sulle sue gambe fosse probabilmente diventato un congelamento vero e proprio, senza principio.

Sempre parlando di donne, ne ho viste alcune vestite come per andare a sciare: guanti di lana, cappello di lana, calze di lana, scaldamuscoli. Ne ho vista un’altra con il piumino. Intendo la giacca, il piumino. EH?

Quest’altra signorina mi sfidava il gelo albionico, che quel giorno si aggirava intorno a 5 timidi gradi e quindi non era proprio gelo, con piumino chiuso fino al mento, sciarpa inclusa. Roba che mentre io con la mia maglietta termica sudavo l’impossibile, lei, tutta ricoperta di lana e con piumino, sembrava non sudare affatto.

Misteri della vita.

Gli uomini sono quelli che non temono mai nulla. Loro, impavidi, ci dimostrano di essere uomini duri anche e soprattutto nella corsa, correndo sempre e comunque in pantaloncino e maglietta. Pure con la neve. Pure con la pioggia. Pure con il gelo più totale. Non c’è condizione atmosferica che possa sconfiggere la combinazione pantaloncino e maglietta.

“In caso se ho freddo alle gambe mi tiro su i calzettoni.” Parola del mio collega e compagno di allenamenti della pausa pranzo.

Quindi nel caso abbiate freddo, ricordate: pantaloncino e calzettone. E sarà subito caldo.

Ma l’apoteosi della pazzia l’ho vista qualche tempo fa.

L’ho vista ai piedi di qualcuno. Ai piedi di quel qualcuno, che ho incontrato tre volte nel mio giro di corsa, c’erano un paio di CONVERSE ALL STAR NERE.

Probabilmente pure lui alla fine della corsa, con piedi congelati e doloranti e schiena spappolata, si sarà detto ma che sono scemo?  O almeno, lo spero.

Altrimenti la prossima volta che lo incontro glielo dico io.

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

2 COMMENTS

  1. Condivido tutto, e “purtroppo” sono uno da pantaloncini anche a -10. Della peggiore specie: quella che va a correre con l’amico che invece si imbacucca con le mutande di lana e viene guardato come un alieno da me che gli dico “ma che sei scemo, e dove stai andando in Siberia?”. Quando in realtà fuori c’è davvero la Siberia!

    PS. Seriamente parlando credo sia una questione di soggettività. Sono stato a Londra due settimane fa e ho notato le signorine che corrono mezze nude. Allora: se devi avere i polpacci viola, EVIDENTEMENTE, non puoi correre mezza nuda ma ti devi coprire. Mentre ci sono altri soggetti che possono farlo, perchè mantengono altre temperature corporee… ma quello è un altro film.

    PS. Mitica come sempre!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.