Come tutto ebbe inizio

Articoli correlati

Sport e salute

Qual è la relazione tra lo sport e la salute fisica? Si sa che lo sport fa bene ma in che modo e quanto? E come fare per ottenere i massimi risultati?

Cerca il tuo avversario

E ora che di gare all'orizzonte non ce ne sono come fai a motivarti e a trovare obiettivi da superare? Non devi guardare tanto lontano...

Migliorare resilienza e motivazione

Resilienza e motivazione sono aspetti mentali indispensabili nello sport e nella vita quotidiana. Scopriamo insieme come allenarle e quanto sono importanti.

La regola dei 10 minuti

Cosa succede se dopo un po' che corri ti pare di non farcela? Potresti rinunciare oppure...
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiNon ho mai fatto sport. Son sempre stato pigro e svogliato. Poi, anni fa, ero sul bordo di una piscina. L’ho guardata e ho pensato “Dovrei incominciare a nuotare”. Non pensavo da mesi di farlo, non me lo sono imposto: semplicemente, è accaduto. Forse non ci pensavo consciamente, ma qualcosa, evidentemente, lavorava silenziosamente dentro di me da tempo.

Iniziai a nuotare e lo feci per un paio d’anni, con una convinzione che non pensavo d’avere. Poi decisi di provare a correre, sempre con la stessa leggerezza: perché no? Mi comprai delle scarpe e iniziai a correre. Non pensavo ai tempi, non pensavo a sfidare me stesso. In effetti: non pensavo e basta. Correvo. Nuotavo. Per chi fa un lavoro intellettuale, non pensare è un’alternativa molto invitante, ve lo posso assicurare. Quindi decisi che mi piaceva correre o nuotare proprio per quello: non erano attività fisiche – o non solo: era meditazione. Mi piaceva e mi piace considerarle tutt’ora così, cioè uno stato mentale, un vuoto, quasi. Fare il vuoto, prendersi una piccola porzione di tempo solo per il gusto di farlo, perché farlo ci fa star bene.

Che poi non è vero che sia un vuoto, o non solo: è un vaso  che riempiamo con pensieri. Quando corro penso a suonare il pianoforte in un jazz club (e io non so suonare). Oppure mi vengono idee. Osservo la realtà. Ascolto musica. Ma faccio solo quella cosa, in quel momento. Corro e faccio quella cosa. Ascolto. Penso. Elaboro. Stupitevi a constatare quante idee vi vengono quando sospendete le occupazioni quotidiane, gli appuntamenti, la vita. Le idee aspettano fuori dalla porta del vostro cervello. Vogliono entrare e quando correte loro entrano e danzano libere di fronte agli occhi della vostra mente. Le idee hanno bisogno di questo tempo: il presente. Non sopportano la convivenza con quello che dovete fare dopo, con gli altri impegni. Sono qui, ora. Quando correte fate solo quello: correte nel presente.

E correte rilassati, abbandonandovi al flusso scomposto e anarchico dei pensieri. Ma non vi sarà difficile, perché questo la corsa provoca: la concentrazione sul presente, su questo attimo. Quello che adesso sta succedendo, che corro, che sento il mio respiro, che mi fa male un ginocchio, che sento che ce la posso fare ancora, che posso spingere, ancora un po’ di più, ancora un po’, dai.

Altri articoli

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.

Quando sei andato fuorisoglia?

Andare fuorisoglia significa uscire dalla tua zona comfort. In questa puntata raccontiamo quando ci è capitato e ti chiediamo di raccontarci quando è successo a te

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.