Ghost 4 GTX, le Brooks con l’impermeabile

Articoli correlati

New Balance 1080 v10: evoluzione e rivoluzione

Tanta nuova tecnologia nella nuova versione delle New Balance 1080. Le abbiamo provate ed ecco come vanno, tra nuova tomaia e nuova ammortizzazione.

New Balance Fresh Foam Hierro v5, Il fascino intramontabile di Boston

Paco ha provato le New Balance Hierro 5, le nuove scarpe da trail dell'azienda statunitense. Ed ecco cosa ne pensa.

Le scarpe più amate del 2019

Il 2019 non è stato affatto parco in termini di novità. Non ci sono state rivoluzioni o meglio: quelle del passato sono arrivate a maturazione e hanno permesso di abbattere record imbattuti da decenni

Le scarpe veloci, secondo Nike

La recensione dei due modelli Nike dedicati alla velocità: Vaporfly NEXT% e Pegasus Turbo 2 (anche in versione Shield). Un'intersuola in comune e moltissime differenze.
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiA me piacciono le Brooks. Cioè, non fraintendete: esteticamente ho già avuto modo di stroncarle, ma come qui già ricordato, le scarpe si scelgono con i piedi e non con gli occhi. A me piacciono proprio come scarpe: come vanno, come te le senti ai piedi, come sono stabili e piacevoli nella corsa. Come sono sincere anche nelle tecnologie che impiegano, come il DNA System che pensi “Sì, sarà una cosa impercettibile, cioè io cambio velocità di corsa e la scarpa cambia assetto? Non ci credo” e invece è vero, funziona.

Quindi, per parlare della Ghost 4 GTX non mi resta che rimandarvi alla prova della sua sorella normale, la Ghost 4, perché non vi sarebbe molto altro da dire. Vanno uguali: forse la suola è lievemente più rigida, ma credo si tratti di una suggestione visiva e basta.

Per provarla, invece, pur non trattandosi affatto di una scarpa da trail running, sono andato apposta in montagna (non è vero, mi ci trovavo, ma vabbè) e l’ho provata sulla terra bagnata dalla neve che si scioglieva, e poi sulla neve ghiacciata, e infine letteralmente “nella” poca neve rimasta, infilandola dentro fino al collo. E come va e quanto e cosa significhi avere una scarpa in GORE-TEX® non lo si capisce finché non la si usa.

Se non si arriva ad affondare il piede fino al collo, permettendo così alla neve o all’acqua di entrare dentro la scarpa, il piede resta asciutto. Ed è un connubio di tecnologie che funzionano: quella DNA di Brooks che supporta la falcata e le sue variazioni, e quella di GORE-TEX® che tiene il piede asciutto.
Certo, non sempre si ha l’esigenza di usare una scarpa in queste condizioni e si potrà obbiettare che per quell’ora che si corre si può pure sopportare un piede bagnato. Ed è tutto vero, ma è altrettanto vero che, a differenza delle cugine Ghost 4 “normali”, le GTX hanno un’estetica più piacevole e discreta e possono essere usate ogni giorno. Sì, anche quando piove e dovete metterle ai piedi solo per andare a lavorare o passeggiare senza meta. Perché funzionano e se abbassate lo sguardo e vi guardate i piedi pensate “Beh, mi piacciono”. E quelli se ne staranno asciutti e comodi, come Brooks e GORE-TEX® solo san far stare i vostri piedi.

[nggallery id=25]

Altri articoli

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.