La poesia dell’allenamento

CONDIVIDI

Ma come fai a svegliarti all’alba per allenarti?

Ma non ti senti un criceto ad allenarti indoor?

E molte altre domande che ci siamo sentiti rivolgere tutt’altro che raramente. Io credo che ogni allenamento abbia la sua poesia, affiancata dalle inevitabili gocce di sudore, anche per un atleta come me che non dovrebbe nemmeno essere considerato tale.

Sono solo “uno che ci prova”. Ma, mentre ci provo, cerco di godere di ogni momento.

Ho cercato di mettere questa poesia in un video di 3 minuti. Non ci sono spiegazioni, solo musica e luce.

Spero ti piaccia.

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

6 COMMENTI

  1. bravissimo, motivi molto anche se sono solo agli inizi di questo sport :-D , ma la musica l’hai composta tu? sono molto curiosa di sapere che musica è … cmq sport e musica: un connubio perfetto, ciao!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here